BOLLETTINO CORONAVIRUS ITALIA 30 GIUGNO/ Min. Salute: +23 morti, 142 nuovi contagi

- Davide Giancristofaro Alberti

Bollettino coronavirus Italia, i dati di Ministero Salute e Protezione Civile oggi 30 giugno 2020: +23 morti, +142 nuovi contagi, ma anche più di 1000 guariti

bollettino coronavirus protezione civile
Protezione Civile, Angelo Borrelli (LaPresse, 2020)

Sono in peggioramento i dati emersi nell’ultimo bollettino coronavirus Italia di giugno rispetto a ieri, ma in sostanziale trend rispetto agli ultimi giorni: +23 morti (ieri erano stati solo 6) in tutte le Regioni mentre sono 142 i nuovi contagiati al Covid-19 sui 240.578 totali da inizio pandemia. Di questi, le persone ancora malate “attive” al Sars-CoV-2 risultano essere 15.563 con decremento di 933 pazienti rispetto alla giornata di ieri (-5,7% sul totale): i deceduti da inizio pandemia salgono invece alla cifra drammatica di 34.767, mentre sui guariti-dimessi la situazione sorride con altri 1.052 in più sui 190.248.

In merito al settore ospedali invece il bollettino stilato da Ministero della Salute e Protezione Civile mostra 1090 pazienti ricoverati con sintomi (-30) e con 93 posti occupati in terapia intensiva in tutto il Paese (-3). Osservando invece i nuovi contagi emersi nelle ultime 24 ore, le 142 persone positive emergono dalla Lombardia (62), 20 dall’Emilia Romagna, 24 dalla Campania, 11 dal Piemonte e 8 dal Veneto. Con zio contagi invece ben 8 Regioni in Italia, ovvero Basilicata, Molise, Bolzano, Abruzzo, Friuli, Puglia, Trento e Marche.(agg. di Niccolò Magnani)

I DATI DI IERI

Anche questa sera, come da copione, verrà emesso il nuovo bollettino della Protezione civile con l’aggiornamento sui dati dell’epidemia di coronavirus in Italia. Quelli di ieri sono stati numeri decisamente positivi come non li si vedeva da tempo dalle parti del Belpaese. Sono stati infatti solamente 126 i nuovi infetti, per un totale da inizio pandemia pari a 240.326. Le vittime, invece, solo 6 (computo aggiornato dei morti dal 21 febbraio scorso, 34.744). Salgono anche i guariti, a ieri a quota 189.196, in crescita di 305, mentre attualmente in Italia i casi di positivi sono 16.496, con una differenza di 185 unità rispetto alla precedente rilevazione. Di questi sono 15.280 quelli in isolamento domiciliare con pochi sintomi o totalmente asintomatici, mentre ricoverati nelle varie strutture italiane vi sono 1.120 persone. Bene anche le terapie intensive, ancora sotto le 100 (precisamente 96), con la regione Lombardia che continua ad essere la più colpita anche se con numeri in netto calo.

PROTEZIONE CIVILE, BOLLETTINO CORONAVIRUS, L’OMS: “TEMIAMO IL PEGGIO”

Nonostante i numeri siano positivi, l’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha invitato a non abbassare la guardia in quanto la pandemia è tutt’altro che finita. “Mi dispiace dirlo – le parole di Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’organo – ma con questo ambiente e in queste condizioni, noi temiamo il peggio. La nuova normalità sarà convivere con il virus”. La giornata di ieri è stata scandita anche dalle nuove dichiarazioni della ministra Azzolina, che ha confermato, parlando ai microfoni di Radio 24, che le lezioni ricominceranno per tutti il prossimo 14 settembre, con la speranza che i dati si confermino in ribasso: “Le scuole riapriranno per tutti dal 14 settembre. Non ci sono dubbi. Dal primo settembre riapriranno per quelli che hanno da recuperare o potenziare gli apprendimenti dell’anno scolastico appena concluso”. Nella giornata di ieri si sono registrati zero casi a Trento, nelle Marche, in Puglia, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Sardegna, Valle d’Aosta, Calabria e Molise.

PROTEZIONE CIVILE, BOLLETTINO CORONAVIRUS 29 GIUGNO



© RIPRODUZIONE RISERVATA