TREND/ Un italiano su quattro sceglie la rete per informarsi su ciò che mangia

- Manuela Falchero

A dirlo è dell’Osservatorio Multicanalità del Politecnico di Milano che rileva anche la costante crescita degli acquisti alimentari fatti online

Ufficio Computer Consiglio Pixabay1280 640x300
Image by rawpixel from Pixabay

Il muro della diffidenza verso il web inizia a mostre le prime, vistose crepe. Anche nel caso dei prodotti alimentari, tradizionalmente finora legati alla dimensione fisica, i consumatori si rivolgono ormai in misura non più risibile alla rete per raccogliere informazioni. A dirlo è l’Edizione 2021 dell’Osservatorio Multicanalità condotto dalla School of Management del Politecnico di Milano, che rileva come ben il 27% degli acquirenti di prodotti di Largo consumo – all’interno dei quali il food rappresenta una parte nevralgica – abbia iniziato a utilizzare il web come strumento per rispondere a dubbi e chiarimenti o per conoscere novità.

Certo, il punto di vendita resta il luogo privilegiato per informarsi – lo sceglie il 71% dei clienti -, ma i dati relativi all’uso del digitale tracciano una tendenza da monitorare. E questo anche in funzione del cruciale passaggio dal momento dell’informazione a quello dell’acquisto. “La vendita di prodotti e servizi del largo consumo – spiega Nicola Spiller, Direttore dell’Osservatorio Multicanalità – avviene oggi prevalentemente in negozio (75%), ma va anche sottolineato che una parte degli acquisti viene effettuata seguendo un approccio ibrido offline/online. E si tratta di una parte non di poco conto, dal momento che pesa per il 23%. Si deve poi considerare che ben il 31% del campione dichiara di comprare online prodotti di largo consumo circa una volta al mese”.

Un boost per l’intero settore alimentare, che può quindi guardare a internet come a un ulteriore, interessante canale di vendita. “All’interno del comparto dei beni di largo consumo acquistati online – conferma Spiller -, il food non è solo la voce che ha contato di più nel 2020, ma anche quella che è cresciuta di più rispetto alla rilevazione precedente. Durante l’emergenza, infatti, a causa delle restrizioni, la maggior parte degli utenti ha effettuato una quota non trascurabile dei propri acquisti proprio attraverso i canali digitali”.

E la tendenza dovrebbe essere destinata a consolidarsi anche una volta terminata la fase pandemica: secondo l’Osservatorio, infatti, il 72% degli acquirenti online di prodotti di largo consumo manterrà invariata la quota di spesa, il 18% l’aumenterà e solo il 9% la diminuirà. A convincere delle potenzialità del web, un mix di fattori, composto da comodità della consegna a domicilio, possibilità di comprare 24 ore su 24 e risparmio di tempo.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA