BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Bruxelles prepara la "doccia fredda" sull'Italia di Renzi

Pubblicazione:

Angela Merkel e Jean-Claude Junker (Infophoto)  Angela Merkel e Jean-Claude Junker (Infophoto)

Luglio è stato un mese fortunato per l'economia. I consumi sono ripresi, addirittura di oltre il 2% secondo la Confcommercio. Ed è salita anche la produzione industriale: più 1,1% rispetto al trimestre precedente nel quale era scesa di una percentuale identica e +2,7% su luglio dello scorso anno, grazie soprattutto all'automobile (+44,9%), all'energia e ai beni strumentali. Nei primi sette mesi del 2015 la produzione è salita dello 0,7%. 

Giorgio Squinzi, presidente della Confindustria, è cauto: "C'è un clima nuovo, ma parlare di ripresa è arrischiato". Semmai "siamo fuori dalla recessione", come ha detto Ignazio Visco, governatore della Banca d'Italia una settimana fa a Cernobbio. Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan è convinto che la stima del Pil (+0,7% quest'anno) potrebbe essere ritoccata al rialzo di uno o due decimali di punto. In ogni caso, da buon economista, sa che si tratta di piccoli spostamenti progressivi: per consolidarli occorre rimboccarsi le maniche. Bisogna investire, bisogna aumentare decisamente la domanda interna per compensare un rallentamento di quella estera e bisogna gettare fondamenta solide e durature affinché la crescita arrivi davvero.

Se è così, allora è un azzardo puntare tutta la politica di bilancio sulla flessibilità concessa da Bruxelles. In primo luogo perché i margini trattabili sono ristretti (pochi decimali di punto) e poi perché non è affatto detto che l'Unione europea ci stia. Paradossalmente, la stessa crisi dei rifugiati può far pendere la bilancia in senso opposto.

Il governo italiano può vantare di aver avuto ragione: alla fine il suo invito all'accoglienza è stato accettato. Ma la svolta l'ha realizzata Angela Merkel e la Cancelliera ha fondato la sua scelta su una considerazione di fondo: "Siamo un paese forte, solido e ricco abbastanza da poter accogliere i profughi siriani", ha detto. Forte, solido e ricco, perché ha fatto le riforme e si è comportata da formica. Ciò serve naturalmente ad ammansire i falchi nel suo governo e quella parte dell'opinione pubblica (una maggioranza silenziosa?) che non è andata in stazione ad accogliere a braccia aperte i siriani. Ma vale come indicazione di carattere generale.

L'Italia non è abbastanza solida, forte e ricca, quindi le sarà più difficile gestire la crisi dei profughi e le sue ricadute sociali, culturali e politiche. Il salto alla politica di bilancio è presto fatto: con un debito tanto elevato e che continua a salire l'Italia non sarà solida, né forte, né ricca abbastanza per ammortizzare il peggioramento dei fattori esterni, quelli economici (il rallentamento della Cina e la brusca frenata dei paesi in via di sviluppo) e quelli geopolitici. Il governo italiano si è proposto come punto di riferimento nel sud del Mediterraneo, ma pochi pensano che abbia le risorse per fare da salvagente e da stabilizzatore.



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
12/09/2015 - Qualche "h" in più! (Luigi PATRINI)

No, non è solo un problema di qualche "H" in più, caro DAMBRA! In vero è evidente che le sue considerazioni sono davvero fuori luogo. Non si illuda troppo! Renzi ha un gran "c...", ma se il fattore "c" non basta, dovrà prima o poi decidersi a fare qualcosa di serio e di concreto, lasciando da parte un ottimismo di maniera che, a quando lei dimostra, sta contagiando i suoi fans. Ma la delusione sarà proporzionata all'illusione!

 
12/09/2015 - parole parole parole (RUGGIERO DAMBRA)

e mai possibile che non riuscite neanche a sorridere alle belle notizie ed subito vi inventati la doccia fredda la doccia fredda se la faccia lei cosi non parla a vanvera come i suoi compagni di viaggio? allora chi a fatto la rivoluzione degli imigranti e stato il nostro governo italiano e' non la merkel, semmai la merkel a colto la palla al balzo e ora vi scatenati contro Renzi? il problema e' un altro siete giornalisti da quattro soldi e dite cazzate a non finire oppure siete della altra parte? siete gelosi di questo piccolo uomo che a fatto quello che gli altri non anno fatto da quando esiste la replubblica italiana? renzi vai avanti a testa bassa.