BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VERTICE VENTOTENE/ Merkel e Hollande pronti a scaricare Renzi

Pubblicazione:lunedì 22 agosto 2016

Angela Merkel e Matteo Renzi (LaPresse) Angela Merkel e Matteo Renzi (LaPresse)

Oggi 22 agosto, su invito del Presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi, il Cancelliere della Repubblica Federale Tedesca, Angela Merkel, e il Presidente della Repubblica Francese, François Hollande si ritrovano a Ventotene. È un incontro dal carattere altamente simbolico sia perché i tre sono gli attuali leader politici dei tre "grandi" Stati fondatori delle istituzioni (Ceca, Cee, Euratom) che hanno gradualmente portato all'Unione europea, sia perché oggi tra le domande principali che si pone la comunità internazionale c'è se l'Ue potrà andare verso il disegno federalistico tracciato proprio a Ventotene da Altiero Spinelli, Ernesto Rossi ed Eugenio Colorni o anche solamente verso la ever closer union auspicata dal Trattato di Lisbona del 2007.

La situazione attuale dell'Ue non è tale da potere fare prefigurare né il federalismo del Manifesto di Spinelli, Rossi e Colorni, né la ever closer union delineata a Lisbona. L'Ue, e in particolare l'unione monetaria, stanno debolmente uscendo da una crisi economica quasi decennale e sembrano assestarsi in una stagnazione di lungo periodo. Stati importanti come la Gran Bretagna stanno uscendo dall'Ue, acquistano vigore le proposte (come quella del Premio Nobel Stiglitz) di dividere l'unione monetaria in due aree (una a euro forte e una a euro debole), non si riesce a mettere insieme una strategia comune nei confronti dell'immigrazione. E via discorrendo.

In un'Europa in non buona salute, lo Stato ospitante è tra quelli che hanno più problemi: come già analizzato su questa testata, gli ultimi dati statistici sembrano indicare che i tremuli barlumi di ripresa del 2015 si siano esauriti nel corso di questa primavera. È probabile che, oltre alle celebrazioni ufficiali e ai discorsi di maniera, l'Italia colga l'occasione per chiedere ancora una volta flessibilità. Neanche il Cancelliere Merkel può concedere tale flessibilità nella gestione dei conti pubblici in quanto è prerogativa degli organi collegiali Ue. L'Italia probabilmente spera che, nell'incontro a tre, abbia l'appoggio della Francia.

Ci sono, però, due aspetti di fondo. Da un lato, un retaggio storico che Parigi e Berlino non dimenticano. In tutta la storia dell'integrazione europea, l'Italia ha temuto di essere tenuta in poco conto in quanto il processo sarebbe stato determinato da una stretta intesa tra Francia e Germania (anche perché lo stesso Manifesto di Ventotene postulava il federalismo europeo come strumento per far terminare una volta per sempre le guerre tra le due sponde del Reno); di conseguenza, Roma ha sempre cercato, con alterne vicende, di contrapporre una stretta intesa con Londra per equilibrare il peso di quella tra i due Stati "renani". È un retaggio di cui sia Parigi sia Berlino sono consapevoli. Per questo considerano il Presidente del Consiglio che li ospita uno junior partner della triangolare.

Il secondo aspetto è la controprova del primo. La Francia non ha chiesto flessibilità, ma se l'è presa, portando il rapporto tra indebitamento netto delle pubbliche amministrazioni e Pil a oltre il 4% quando lo riteneva necessario (per spese di difesa e di sicurezza interne e per non acuire lo scontro con le parti sociali). È stata sottoposta a procedura d'infrazione, ma non se n'è data troppo conto per ragioni sia politiche che economiche.


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
22/08/2016 - il vertice a 2 miglia da Ventotene (Gaspare Supremo)

Come mai viene definito Vertice di Ventotene e non sulla Portaerei Garibaldi ? Si continua con la Partecipazione e Complicità Disinformatica RAI pseudo Servizio Pubblico o meglio di informazione al Servizio Renziano, col Favoreggiamento dell'Inutile e Ubbidiente Mattarella ( al Suo Predecessore ) benedetto e santificato ! E tutti i Media ( smazzettati dall'Esecutivo ) si adeguono alla versione sulla località dell'Incontro che non risponde a verità !