BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RETROSCENA/ Larghe intese e Quirinale, il nuovo patto Berlusconi-Renzi

Pubblicazione:martedì 14 ottobre 2014

Infophoto Infophoto

La definizione di Opa (offerta pubblica di acquisto) è la più calzante. Soggetto scalato il Nuovo Centrodestra di Alfano e soci, soggetto scalante Silvio Berlusconi. I rapporti fra i due sembrano destinati a peggiorare rapidamente, perché il leader di Forza italia ha deciso di muovere all'assalto del partito del suo ex delfino. E il ritorno a casa del siciliano Antonio D'Alì potrebbe essere il primo di una lunga serie. Obiettivo, togliere ad Angelino la golden share del governo in Senato e presentarsi a Renzi in tempi brevi come l'unico interlocutore credibile, e decidere insieme con lui sul futuro della legislatura.

I toni si sono inaspriti nel fine settimana. Ad Alfano che da Ceglie Messapico rivendicava di aver salvato l'Italia da Grillo a Palazzo Chigi rimanendo al governo, Berlusconi ha fatto replicare dalla fidatissima Maria Rosaria Rossi, sbattendo violentemente in faccia la porta a ogni alleanza alle amministrative con i "traditori" scissionisti.

In queste ore si decidono le alleanze per le regionali del 23 novembre: in Emilia è praticamente certo che Ncd rimarrà fuori (con candidato leghista), ma questo potrebbe accadere anche in Calabria, con l'effetto di aumentare il malessere di parecchi pezzi da novanta del partito di Alfano, dove a essere tentati dal ritorno alla casa madre sono —secondo i rumors di corridoio — davvero in parecchi, che starebbero trattando singolarmente con Berlusconi in persona.

Tanto sul versante di Forza Italia, quanto su quello di Ncd le recenti mosse sembrano figlie di sondaggi impietosi. In casa centrista ha gettato nello sconforto la stima dell'autorevole Ilvo Diamanti, che accredita una lista comune con l'Ucd di Cesa del 2,6 per cento appena. Anni luce lontano dalla soglia minima per la sopravvivenza, lo sbarramento del 4 per cento. L'avere incassato (almeno al Senato) una riforma del mercato del lavoro dettata in larga misura da Maurizio Sacconi non sembra essere percepito dalla pubblica opinione, e quindi non si trasforma in consenso. Inevitabile che, a questo punto, si scateni il "si salvi chi può".

Anche dal lato di Forza Italia i sondaggi piangono. Tutti convergono nel descrivere un partito tra il 15 ed il 16 per cento: Berlusconi ha rincuorato i suoi, ricordando che questo dato fa di Forza Italia "ancora il primo partito dell'area moderata", ma ha deciso di correre ai ripari. Gradualmente sta alzando il tono dello scontro con il governo sulla politica economica. E in vista della discussione della legge di stabilità questa pressione è destinata ad aumentare. Non potendo però andare liberamente all'assalto per via del patto del Nazareno, Berlusconi ha deciso di provare ad arginare Renzi costringendolo a trattare solo con lui. 

L'arrivo di D'Alì ha provocato una certa euforia fra gli azzurri, e c'è pure chi si spinge a ipotizzare una specie di amnistia, un termine entro cui chi se ne andò con Alfano a fine 2012 potrà tornare all'ovile senza conseguenze. 


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
14/10/2014 - Aveva ragione Gamaliele (Luigi PATRINI)

Osservazioni giuste ed interessanti. Per certi aspetti anche preoccupanti. Ma se avete fede, anzi Fede, non dimenticatevi di rileggere il saggio discorso del saggio Gamaliele, riferito in Atti degli Apostoli in 5, 34-39. Non fermatevi al capoverso n.39, però: meglio leggere anche 5, 40-42: qualcuno che ci mena lo troveremo sempre, ma noi, come accadde ai primi apostoli, resteremo "lieti"!