Alex Rins, trionfo su Marquez al fotofinish/ Video MotoGp, sorpasso show della Suzuki

- Niccolò Magnani

Alex Rins, trionfo show all’ultima curva su Marquez al Gp di Gran Bretagna: video MotoGp, lo spettacolo e il brivido “al penultimo giro pensavo fosse l’unico…”

Rins e Marquez MotoGp
Diretta Test Motogp 2020 Sepang (LaPresse)

Un sorpasso che non varrà una carriera, ma sicuramente può rilanciarla: il giovane Alex Rins esce trionfatore dall’ultima curva del Gran Premio di Gran Bretagna di MotoGp, battendo il suo idolo e “maestro” Marc Marquez che così perde per la seconda gara consecutiva un duello corpo a corpo all’ultima curva. Un trionfo con il brivido che arriva al termine di una gara stupenda giocata sempre sul filo e sempre ad inseguire francobollato lo spagnolo della Honda, “aiutati” dalle cadute di Dovizioso (qui le ultime condizioni di salute) e Quartararo fuori dai giochi alla prima curva al via. Come ha raccontato ai colleghi inviati a Silverstone, Rins negli ultimi giri si è messo a studiare Marquez in ogni passaggio per capire dove e come poterlo eventualmente infilare. «Sapevo che se ero davanti nella prima parte della gara potevo provare», spiega un euforico pilota della Suzuki al secondo trionfo in questa stagione di MotoGp. «L’ultima curva sono stato più veloce. Il sorpasso finale è stato più ragione che istinto, ho provato ed è andata bene», spiega ancora Alex Rins, «Sono felice perché la Suzuki ha sviluppato molto la moto».

IL SORPASSO DI RINS ALL’ULTIMA CURVA

Una vittoria col brivido dicevamo non solo per lo spettacolare ultimo sorpasso incrociato che ha ricordato da vicino quello meraviglioso di Dovizioso poche settimane fa proprio contro Marquez nel Gp di Spielberg in Austria: al penultimo giro Alex Rins ha pensato fosse l’ultimo e ha rischiato tantissimo per provare a sorpassare Marquez andando a finire un poco nell’erba proprio perché pensava di doversela giocare “alla morte” in quanto fine Gran Premio. Eccolo a fine gara raccontare l’episodio: «Ero molto vicino dal commettere un errore a due giri dalla fine perché pensavo che fosse l’ultimo. Sono andato sul verde e ho mantenuto la calma». Poi ha recuperato le forze, ha valutato dove infilare Marquez e per soli 13 millesimi riesce a beffare ancora una volta un Marquez imbattibile anche per questo Mondiale (salvo miracoli di Dovizioso, ndr) ma sofferente nei corpo a corpo: «Non è bello perdere all’ultimo rettilineo. Sono felice per il campionato e non per la gara. Sapevo che Rins aveva una grande possibilità. Sono stato davanti tutta la gara. In quella posizione ho consumato un po’ di più le gomme. E stavano arrivando i piloti Yamaha quindi ho continuato a spingere». E su quell’ultima curva, il fenomeno spagnolo si difende «Ho perso un poco l’anteriore e ho chiuso il gas. Ho portato il peso di tutta la gara ma Rins è stato molto bravo». Quando però gli viene chiesto se non brucia aver perso 5 volte contro Dovizioso e oggi contro Rins nello stesso modo, sorride sardonico «mi brucia di più essere a +78….» citando i punti del Mondiale che lo distanziano dal Dovi, secondo classificato e oggi finito per aria senza alcuna colpa.



© RIPRODUZIONE RISERVATA