FINALE CHAMPIONS LEAGUE 2019/ Video, il tributo del Wanda Metropolitano a Reyes

- Silvana Palazzo

Finale di Champions League 2019 oggi tra Tottenham e Liverpool: Imagine Dragons alla cerimonia d’apertura. La novità del mini-concerto e l’inversione degli spogliatoi

champions league
La Champions League, immagine di repertorio (LaPresse)

CLICCA QUI PER LA DIRETTA DELLA FINALE DI CHAMPIONS

Nella notte che ha incoronato il Liverpool vincitore della Champions League 2019 nella finale contro il Tottenham spazio anche ad una commozione di stampo diverso da quella di chi ha trionfato e di chi ha perduto. Prima del calcio d’inizio, infatti, un minuto di raccoglimento è stato dedicato alla memoria di Jose Antonio Reyes. L’attaccante spagnolo, scomparso questa mattina all’età di 35 anni per un incidente stradale è stato ricordato da tutti i 22 giocatori in campo ma anche dai 67mila tifosi presenti al Wanda Metropolitano che hanno tributato il giusto applauso ad un ragazzo tanto talentuoso quanto sfortunato. Il destino ha voluto che la finale si giocasse in Spagna, nella Spagna di cui tante volte aveva difeso i colori con la maglia della Nazionale. Non poteva esserci palcoscenico tragicamente migliore per dirsi addio. (agg. di Dario D’Angelo)

FINALE CHAMPIONS LEAGUE: L’INVASIONE DI CAMPO

Immancabile invasione di campo nella finale di Champions League 2019 tra Tottenham e Liverpool: anche quest’anno non è mancata la sortita del temerario che è riuscito ad aggirare i cordoni di sicurezza degli steward e ad entrare nel terreno di gioco del Wanda Metropolitano. La novità rispetto agli anni passati, per quanto le telecamere non abbiano indugiato sull’invasione di campo per evitare di incoraggiare emulazioni, è che protagonista del gesto sia stata una donna anziché un uomo. Una ragazza dalla chioma bionda con indosso un body che ha attirato l’attenzione del pubblico di Madrid e al 18′ del primo tempo ha fatto slalom tra gli addetti alla sicurezza. Sulla parte anteriore del suo body la scritta “Vitaly uncensored”: si tratta di un sito per adulti che afferma di intraprendere “scherzi selvaggi” di natura sessuale “senza regole”. (agg. di Dario D’angelo)

FINALE CHAMPIONS LEAGUE, SHOW DELLE TIFOSERIE

La “marea rossa” è arrivata a Madrid. A pochi minuti dalla finale di Champions League 2019 tra Tottenham e Liverpool, vi proponiamo un video dei tifosi Reds. Quando si sono ritrovati nel loro punto di raccolta hanno dato vita ad uno spettacolo entusiasmante, unico. Si sono uniti per cantare tutti insieme il loro inno, “You’ll Never Walk Alone”. A Madrid fa tutt’altro che freddo, ma i tifosi del Liverpool hanno messo i brividi a tutti i presenti. I tifosi si sono poi spostati al Wanda Metropolitano per la finale. Una partita dal sapore globalizzato, perché ci sono calciatori da tutto il mondo. Dall’egiziano Salah al coreano Son, passando per i brasiliani Alisson, Firmino e Lucas Moura; ci sono il senegalese Mané e l’olandese Van Dijk, oltre all’inglese Harry Kane. Sfide nella sfida, come quella tra i due portieri. Da una parte c’è il miglior portiere al mondo, Alisson, dall’altra il portiere campione del mondo, Lloris. (agg. di Silvana Palazzo)

FINALE CHAMPIONS LEAGUE 2019: 5 ARRESTI A MADRID

È già alta la tensione a Madrid per la finale Champions League 2019 tra Tottenham e Liverpool. Nella notte sono stati registrati disordini a Puerta del Sol, ma sono stati fronteggiati subito dalle forze dell’ordine, che hanno anche effettuato alcuni arresti. Stando a quanto riportato da SportMediaset, il bilancio degli arresti è di cinque tifosi. Nell’ambito degli scontri è stato ferito anche un agente. La situazione è calda anche al Wanda Metropolitano, ma qui non si registrano scontri: ci sono molti tifosi inglesi arrivati a Madrid senza biglietti per vedere la partita. E questo potrebbe creare problemi nelle prossime ore. Un uomo è stato arrestato per aver provato a vendere due biglietti falsi a oltre ottomila euro. La città comunque è blindata grazie ad un ingente servizio d’ordine. Un vero e proprio dispositivo di sicurezza, con tanto di sistema anti-drone e un centro di comando vicino allo stadio. (agg. di Silvana Palazzo)

FINALE CHAMPIONS LEAGUE 2019, BOOM DI TURISTI

Una finale di Champions League come quella tra Tottenham e Liverpool di questa sera non è soltanto l’occasione per godere di uno spettacolo calcistico eccezionale ma anche per gustarsi una località stupenda come Madrid, la città che ospiterà l’ultimo atto del torneo all’interno dello stadio Wanda Metropolitano. Non è un caso, come si evince da una ricerca del gruppo Expedia, che quest’anno sia stato notato un aumento del 30% nelle prenotazioni di voli e/o alloggi su Madrid per la finale di quest’anno, se paragonate a quelle del 2018 per lo stesso periodo. “I tifosi di calcio sono tra i più appassionati, non stupisce quindi che alcuni siano disposti a viaggiare ovunque per vedere la loro squadra in azione”, ha affermato Adam Jay, Presidente del marchio Hotels.com. “Il picco di prenotazioni in seguito all’annuncio delle date della UEFA Champions League, soprattutto per la finale, dimostra chiaramente che i tifosi programmano le vacanze in base ai loro eventi sportivi preferiti”. (agg. di Dario D’Angelo)

FINALE CHAMPIONS LEAGUE 2019, LE MISURE DI SICUREZZA

Non viviamo più i tempi degli “hooligans”, quando le tifoserie inglese rappresentavano uno spauracchio per la sicurezza in qualunque impianto al mondo ma è chiaro che le misure preventive per questa finale di Champions League tra Tottenham e Liverpool siano imponenti. Nella capitale spagnola, al Wanda Metropolitano di Madrid, sono attesi almeno 17mila sostenitori di ciascuna delle due squadre di Premier League, ai quali bisogna aggiungere gli appassionati neutrali che andranno a riempire l’impianto iberico fino a raggiungere i 67mila posti. Un afflusso di tifosi che – spiega Fox Sports – ha portato il delegato del governo, Maria Paz Garcia, ad incontrare tutti gli organismi di sicurezza dello stato, il capo della sicurezza della UEFA, più i rappresentanti della RFEF e dell’Atletico Madrid, in modo di delineare la strategia da adottare per garantire che tutto si svolga al meglio. La delegata governativa ha dunque spiegato:”È stato adattato alle esigenze e alle caratteristiche dell’evento, che è stato dichiarato ad alto rischio. A questo si deve aggiungere che siamo già impegnati su quattro avvisi antiterrorismo, quindi il dispositivo non è limitato esclusivamente alla città di Madrid, ma si estende anche all’intero territorio nazionale”. Sono state create due Fan Zone differenti: i tifosi Spurs saranno radunati a Colón, collegati con la linea 5 della metropolitana, i Reds a Plaza de Felipe II, in prossimità della linea 2. (agg. di Dario D’Angelo)

FINALE CHAMPIONS LEAGUE 2019: CANTANO GLI IMAGINE DRAGONS

Se la finale di Champions League si giocasse negli Stati Uniti assisteremmo ad un evento simile al Super Bowl, ma in Europa si stanno facendo comunque passi avanti per arrivare al livello di entertainment americano. Anche la massima competizione calcistica europea ha deciso di aprire all’intrattenimento: la svolta è stata impressa con l’accordo tra la Uefa e la Pepsi, siglato nel 2016. Così è stato infatti introdotto un concerto live all’interno della cerimonia di apertura della finale di Champions League. Quella prima di TottenhamLiverpool sarà dunque la quarta edizione del mini-concerto live. Si esibiranno gli Imagine Dragons, il gruppo americano conosciuto in tutto il mondo per hit come “Thunder”, “Believer” o “Whatever it takes”. E Dan Reynolds, frontman della band di Las Vegas, è a dir poco entusiasta: « Per noi è un onore, sarà un grande show a Madrid». Così scrivono il loro nome nello speciale albo d’oro dei musicisti che si sono esibiti prima di una finale di Champions League.

FINALE CHAMPIONS LEAGUE 2019, LA CERIMONIA D’APERTURA

L’anno scorso è toccato a Dua Lipa, e la sua è stata una delle esibizioni più apprezzate. Lei ha preceduto la sfida tra Real Madrid e Liverpool a Kiev, invece i Black Eyed Peas si esibirono al Millennium Stadium di Cardiff per la finale tra la Juventus e il Real Madrid. La pioniera di queste esibizioni è stata Alicia Keys, che nel 2016 si esibirà a San Siro prima del derby madrileno tra Real e Atletico. Gli Imagine Dragons, così come i loro predecessori, si esibiranno al Wanda Metropolitano di Madrid circa 10 minuti prima del fischio di inizio, che è previsto per le 21. Il gruppo vincitore del Grammy Award sarà visto in oltre 200 Paesi e territori di tutto il mondo, perché è questa infatti la copertura della finale di Champions League. Ma le iniziative legate a questo evento sono tante: Sony, ad esempio, in virtù della partnership con l’Uefa, ha coinvolto alcuni dei migliori influenze e content creato del mondo per una partita speciale, che sarà trasmessa all’indomani della finale in esclusiva in live stream sul canale PlayStation presente su YouTube.

FINALE CHAMPIONS LEAGUE 2019, INVERSIONE DEGLI SPOGLIATOI

Come è noto saranno Tottenham e Liverpool a contendersi la Champions League nell’attesissima finale di oggi al Wanda Metropolitano. Il confronto per certi versi è cominciato già negli spogliatoi. Ma dobbiamo partire da una premessa: il club “in casa” è il Tottenham, che avrebbe dovuto sistemarsi nello spogliatoio destinato abitualmente all’Atletico Madrid. Ma Sky Sports ha spiegato che c’è stato un cambio di programma. Per ragioni di sicurezza andrò ai Reds, mentre gli Spurs dovranno accontentarsi di una stanza più tradizionale, quella solitamente desinata alla squadre in trasferta. Il direttore dello stadio Fernando Fariza ha spiegato che nella valutazione sono stati tenuti presenti i tifosi: «La decisione finale è stata che i tifosi del Liverpool dovessero arrivare allo Stand Sud e avranno tutti i loro biglietti nella tribuna Sud. I sostenitori del Tottenham, invece, arriveranno alla tribuna Nord e avranno lì tutti i loro biglietti». Quel che conta però è fare festa, qualunque sia lo spogliatoio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA