BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

ALITALIA/ Così il caso Parmalat aiuta il "matrimonio" con Meridiana

Con il caso Parmalat, la Cdp ha la possibilità di entrare nelle aziende ritenute strategiche. Tra queste, spiega ANDREA GIURICIN, potrebbero esserci Alitalia e Meridiana

Foto ImagoeconomicaFoto Imagoeconomica

Nostalgia d’Iri. La “guerra” tra Francia e Italia sembra riportare il nostro Paese indietro di 80 anni. La grande crisi, il protezionismo, la creazione di grandi gruppi pubblici che difendano l’italianità. Siamo nel 1930 o abbiamo già superato il 2010?

Tutto è nato dalla scalata dei francesi di Lactalis su Parmalat. Il colosso dei latticini d’Oltralpe ha quasi raggiunto il 30% delle azioni dell’azienda di Collecchio. In Italia si è registrata immediatamente una levata di scudi. Qualcosa d’impensabile, ma che forse i postumi della crisi economica 2008-2009 hanno reso “culturalmente” più accettabile. Quel che resta del biennio della crisi è un profondo intervento dello Stato nell’economia con la creazione di un buco di bilancio in tutti i principali Paesi.L’attuale crisi delle economie periferiche, quali Irlanda, Grecia, Portogallo, arriva da una politica di sperpero pubblico per “rilanciare” l’economia. Il protezionismo, invece, nasce spesso in momenti di crisi economica e il caso di Parmalat forse è quello che si potrebbe chiamare evidenza empirica.

Il Governo si è precipitato a creare una norma per difendere l’italianità e permettere l’entrata della Cassa depositi e prestiti (Cdp) nelle aziende italiane ritenute “strategiche”. Una “nazionalizzazione” vera e propria che riporterebbe l’invadenza dello Stato in economia. I governanti italiani sembrano avere una memoria relativamente corta; i tipici esempi di aziende di Stato sono, infatti, Alitalia e Tirrenia, che sono state portate al fallimento dalla commistione tra politica, sindacato e favoritismi. Cosa avrebbe di diverso un intervento diretto della Cdp?


COMMENTI
04/04/2011 - reciprocità (francesco taddei)

esistono altre aziende con partecipazione statale: ENI e FINMECCANICA. nessuno si sogna (per adesso) di togliere lo stato italiano perchè sono delle eccellenze. ai teorici del mercato perfetto consiglierei di vedere cosa è successo in toscana con la privatizzazione dell'acqua. esistono alcune municipalizzate che sono dei buchi di denaro senza fondo che andrebbero privatizzate. prima però fare una legge sull'obligatorietà delle gare d'appalto con standard europei, non a discrezione dello stato come adesso (che serve solo a favorire gli amici). infine segnalo che una legge di protezione la francia già ce l'ha su ben 11 settori. Tremonti(e gli italiani) chiedono solo reciprocità.

 
04/04/2011 - PRIVATIZZAZIONI & STATALIZZAZIONI (andrea carboni)

Non è il primo eminente giurista al quale sento auspicare statalizzazioni. Se ciò fosse stato detto 2-3 anni fa, si sarebbe urlato allo scandalo. Dopo aver regalato banche e aziende, con l'unico risultato di aver svenduto malamente i gioielli di famiglia, ci si accorge che era meglio un AD che un proprietario? Ora, in questa nuova ottica, che sarà dei 7.500 (+ i nuovi 1000) cassaintegrati Alitalia senza lavoro nè pensione? Li assumerà l'On. Brunetta? Cordiali saluti.