BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GEOFINANZA/ Grecia, Messico e Corea: le "bombe" che fanno vacillare l’Europa

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Imagoeconomica  Foto Imagoeconomica

“Non puoi più essere quello che eri”. Questo verso di Charles Ramuz in quella “Histoire du soldat” scritta durante la Prima guerra mondiale e messa in musica da Igor Stravinskij, dovrebbe essere lo slogan dell’eurozona, se non della stessa Unione europea, a una settimana dal secondo accordo per “salvare” (non si comprende bene da cosa e da chi) la Grecia. Nei primi giorni si è bevuto molto “Cremant”, il prosecco francese che si produce in Alsazia, Borgogna e nella regione di Bordeaux, ma non dello Champagne (bottiglie di “Veuve Clicquot” non sarebbero state in linea con l‘”austerity” di rigore). Adesso, però, è il momento di riflettere sulle implicazioni.

Il primo accordo - quello del 9 maggio 2009 - era un brutto colpo alla carta fondamentale dell’eurozona (il Trattato di Maastricht) che vieta salvataggi e, se fosse stata in vigore, avrebbe costretto il Banco di Napoli e il Banco di Sicilia a chiudere i battenti, svendere gli immobili e portare dal rigattiere i mobili di ufficio e le macchine da scrivere. Dopo il secondo, l’eurozona è un “ferito a morte”, come il titolo del romanzo che rese celebre l’allora giovane Raffaele La Capria.

La ristrutturazione del debito della Grecia è la più vasta effettuata in epoca moderna in tempo di pace in uno Stato industriale a economia di mercato. I creditori subiranno mediamente una perdita del 75%, rispetto al 76,8% accusato con la ristrutturazione del debito dell’Argentina e all’89% con quella dell’Iraq. I calcoli sono stati inviati ai propri clienti da Gramercy, la finanziaria americana maggiormente coinvolta nella ristrutturazione del debito argentino. Quindi, un gruppo che se ne intende. Se la ristrutturazione va in porto (mancano alcuni tasselli, di cui stranamente la stampa, anche quella economica, non scrive), la Grecia potrà, d’un sol colpo, tagliare 106 miliardi di euro da uno stock totale di debito di 373 miliardi di debito.

Altri Stati dell’eurozona sono alla ricerca di un “taglia-debito” (Irlanda, Portogallo, Spagna e - perché no? - Italia). Visto il precedente della Grecia, cosa impedisce loro di chiedere un trattamento analogo? L’orgoglio nazionale, si potrebbe rispondere. Ma con l’orgoglio non si frena la piazza e non si cede, alle prime elezioni, il governo all’opposizione. Soprattutto, non si mangia.



  PAG. SUCC. >