Calciomercato Inter/ Belfodil ancora in bilico. Notizie del 24 dicembre (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

La situazione di Ishak Belfodil continua ad essere aperta a possibili cambi di scenario: l’attaccante algerino non sarà ceduto a titolo definitivo ma ll’ipotesi del prestito è ancora calda

emerson_belfodil
(INFOPHOTO)

Si parla ancora di Ishak Belfodil. L’attaccante algerino è ancora in bilico all’Inter, che sta valutando se cederlo in prestito per accrescere il suo minutaggio (sinora 8 presenze per 188 minuti in Serie A, e 2 partite con 1 gol in Coppa Italia). Difficile se non impossibile parlare di cessione a titolo definitivo, perché l’Inter crede nel giocatore (per la cui metà ha speso 7,5 milioni di euro) e in ogni caso perché resta in compartecipazione con il Parma. Quanto al possibile prestito il Corriere dello Sport riparla del Sassuolo, che sta valutando rinforzi in ogni reparto (citato anche il terzino svizzero Silvan Widmer, ventenne riserva nell’Udinese). Gli attaccanti titolari del Sassuolo sono Floro Flores, Zaza e Berardi, più deboli le alternative ovvero Diego Farias, Gomes e il rumeno Marius Alexe. Belfodil può essere un’ottima soluzione per la squadra allenata da Eusebio Di Francesco, perché può giocare sia come centravanti di riferimento che come punta esterna, nei moduli 4-3-3 o 3-5-2. Lo stipendio dell’algerino è di 1 milione di euro all’anno, ma ingaggiandolo a metà stagione il Sassuolo ne pagherebbe solo la metà, una cifra più abbordabile per la società. L’Inter ci penserà consapevole di non poter scoprire troppo il reparto offensivo, prima di aver valutato l’effettivo recupero di Diego Milito. Dal canto suo Belfodil ha di recente ribadito di voler restare in nerazzurro a giocarsi le sue carte, ma l’idea di una allontanamento temporaneo, unita alla possibilità di essere più protagonista e sempre in Serie A, potrebbe convicerlo.

Continua ad esservi Erik Lamela fra gli obiettivi di mercato dei nerazzurri per gennaio. L’ex stella della Roma sbarcato in estate a Londra, sponda Tottenham, in cambio di un assegno da 35 milioni di euro, non ha reso come ci si aspettava e di conseguenza potrebbe già lasciare la Premier League dopo soli 6 mesi. Moltissime le società alla finestra e fra le tante vi è proprio l’Inter. I nerazzurri sono consci che sarà difficile acquistare il giocatore a titolo definitivo, viste le cifre di cui sopra, ed è per questo che starebbero pensando al prestito semestrale con diritto di riscatto, ipotizzabile ad una somma che dovrebbe aggirarsi attorno ai 20/25 milioni di euro. Oltre ai nerazzurri la stella ex Roma e River Plate piace da matti anche al Napoli: Aurelio De Laurentiis fece infatti un’offerta concreta in estate rimandata però al mittente.

E’ un vero e proprio giallo il futuro di Fredy Guarin. Il centrocampista dell’Inter e della nazionale colombiana sembrava ad un passo dal Chelsea. Durante gli scorsi giorni i due club avevano trattato a lungo raggiungendo quasi un accoro sulla base di un assegno da 15 milioni di euro. Peccato però che lo stesso giocatore, intervistato dai microfoni di Globoesporte.com, abbia rimescolato le carte in gioco, sorprendendo tutti: «Voglio è rimanere nell’Inter – confessa Guarin alla stampa brasiliana – però voglio anche che loro mantengano la promessa che mi hanno fatto, e cioé il rinnovo del contratto. Se poi vorranno vendermi, mi venderanno. Ho una promessa da parte del club e spero la mantengano. Se decideranno che dovrò lasciare la squadra, allora andrò via». Guarin ha parlato anche del Chelsea, (“Una grande squadra”), ma è logico pensare che alla luce delle dichiarazioni di cui sopra, sembra difficile una cessione dell’ex Porto nei prossimi giorni. Molti dubbi rimangono anche perché in corso Vittorio Emanuele confidavano sulla partenza del sudamericano per fare cassa ed assicurarsi quell’attaccante che tanto serve alla compagine meneghina. Il Chelsea pare abbia rilanciato inserendo nell’operazione anche il cartellino di Demba Ba, e a questo punto saranno decisivi i prossimi giorni per capire l’evolversi dei fatti.

Se Guarin dovesse rimanere ad Appiano Gentile non è da escludere che sia qualche altro pezzo pregiato a svestire la casacca nerazzurra, a cominciare da Andrea Ranocchia, altro calciatore dell’Inter che ha moltissimi estimatori. I soldi ricavati da un’eventuale partenza potrebbero essere girati al Southampton. Nelle ultime ore è infatti tornato di moda il nome di Gaston Ramirez, centrocampista offensivo ex Bologna, trasferitosi in Premier League. Il giocatore è nel giro della nazionale uruguagia ma non trovando la continuità in campo rischia di perdere il treno per i Mondiali che si terranno in Brasile la prossima estate. L’Inter lo segue, e ci sono stati dei contatti nelle ultime ore, e attenzione anche alla Fiorentina, altra big della Serie A che vorrebbe riportare in Italia il talento della Celeste.

Dzeko è la pedina perfetta che manca a Mazzarri. Ne è convinto Pavan, agente Fifa, con il quale abbiamo colloquiato in esclusiva del mercato che verrà dei nerazzurri.

E’ Ezequiel Lavezzi l’obiettivo numero uno dell’Inter in vista della campagna acquisti di riparazione ormai alle porte. Il presidente nerazzurro Erick Thohir ha rotto gli indugi e dopo il bel successo nel derby ha deciso di scendere in campo in prima persona per trattare con il Paris Saint Germain il ritorno in Italia del Pocho. Ieri il 43enne magnate indonesiano è volato a Londra, all’Emirates Stadium, per assistere al big match della Premier League fra l’Arsenal di Wenger e il Chelsea di Mourinho. Nell’occasione ha incontrato il presidente del PSG, Nasser Al-Khelafi. Stando a quanto riporta stamane La Gazzetta dello Sport, i due avrebbero cenato assieme e l’occasione è stata propizia appunto per sondare il terreno circa l’ex Napoli. L’argentino è la prima scelta di Walter Mazzarri, giocatore che il tecnico toscano conosce alla perfezione avendolo avuto al suo fianco per diversi anni. In corso Vittorio Emanuele, tra l’altro, serve proprio un attaccante di movimento e Lavezzi sarebbe perfetto per affiancare Palacio e formare un duo tutto argentino davvero esplosivo.

L’ostacolo principale è come al solito rappresentato dalle richieste economiche dei parigini, che ammontano a circa 25 milioni di euro, alla luce dei 37 milioni spesi soltanto poco tempo fa. L’Inter preferirebbe il prestito con diritto di riscatto ma il PSG sembra freddino di fronte a tale ipotesi e punta sulla cessione a titolo definitivo, incassando di conseguenza subito denaro contante. Lavezzi non è l’unico calciatore dei parigini che piace all’Inter. Attenzione anche a Lucas, esterno d’attacco brasiliano ex San Paolo, vicinissimo ai nerazzurri prima dello sbarco al Parco dei Principi. Vorrebbe giocare di più e teme di non essere considerato dal ct Scolari in vista del Mondiale, ed è per questo che punta a trovare una nuova sistemazione possibilmente di prestigio come l’Inter.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori