CONSIGLI NON RICHIESTI/ Sei domande per preparare una strategia aziendale efficace

- Luca Brambilla

Per strutturare dei buoni piani strategici in ambito aziendale può essere consigliabile farsi aiutare da sei domande individuate da Brian Tracy

Riunione Affari Pixabay1280
Pixabay

Il mondo del lavoro sta diventando sempre più complesso e competitivo. Per questo occorre, oggi più che mai, essere strategici e progettare dei piani che siano ben strutturati e non solamente emotivi. Avere delle domande che ci facciano da guida nel costruire la nostra strategia è sicuramente utile. Ecco le sei che Brian Tracy, famoso formatore americano, suggerisce di prendere in considerazione:

1) Dove ti trovi adesso? Ogni strategia parte da un’attenta analisi dello stato attuale. Chi volesse, ad esempio, apportare un’implementazione commerciale alla sua azienda dovrà recuperare i dati esatti relativi a tutte le Business unit della stessa. 

2) Come hai fatto ad arrivare dove sei adesso? Prima ancora di procedere verso la direzione desiderata occorre essere molto onesti e comprendere a fondo come si è arrivati allo stato in cui si è. In questo caso occorre valutare, ad esempio, come si sono conquistati i migliori clienti, ma anche come mai non si è riusciti a stipulare collaborazioni con partner che sulla carta erano stati immaginati come ideali.

3) Dove vuoi andare partendo da qui? È questo il momento di decidere quale direzione si vuole prendere. Considerando l’esempio precedente riguardante lo sviluppo commerciale, si dovrà quindi scegliere tra un’espansione all’estero o la permanenza in qualità di soggetto nazionale; oltre a ciò si dovranno individuare i macro-target a cui rivolgersi e procedere in questo modo fino all’individuazione di tutti gli elementi dei clienti ideali.

4) Come arriverai da dove ti trovi a dove vorresti andare? In questa fase occorre creare una sorta di “elenco della spesa” comprendente tutto ciò che occorre per raggiungere la meta individuata. Ad esempio, recentemente ho partecipato a una riunione con diversi responsabili di un’azienda, la quale si apprestava a lanciare un prodotto molto importante. Ogni reparto ha elencato come avrebbe contribuito al progetto e così si è costruito un elenco di azioni da compiere che vedevano coinvolti le risorse del marketing, della comunicazione, della produzione e alcuni responsabili che avrebbero esercitato delle azioni di lobbing.

5) Quali ostacoli dovrai superare per raggiungere i tuoi obiettivi strategici? In questa fase della pianificazione occorre procedere con grande onestà e creatività. Ad esempio, nella riunione sopracitata io avevo proprio il ruolo di mismatcher, il cosiddetto “bastian contrario”, il quale solitamente evidenzia problemi, trappole e possibili inconvenienti che potrebbero sorgere durante l’importante operazione commerciale. Questa fase è delicata e la persona che ricopre il ruolo di “avvocato del diavolo” deve veramente essere libero di esercitare il suo ruolo. Per questo motivo l’invito è quello di affidare il compito a consulenti esterni piuttosto che a chi risulta eccessivamente legato al progetto per ragioni di mandato aziendale.

6) Di quali altre conoscenze o risorse avrai bisogno per raggiungere i tuoi obiettivi strategici? Questo punto è la conseguenza operativa del precedente. Se, infatti, in quella fase sono emerse lacune di risorse o conoscenze, occorre investire per trovarle sul mercato. Nel progetto ormai noto che ho citato più volte è emersa, ad esempio, la necessità di un commerciale totalmente dedicato a quell’obiettivo il quale avrebbe dovuto farsi affiancare da un team specializzato in marketing per supportare lo sforzo dell’azienda.

L’invito, quindi, è quello di seguire in maniera metodologica queste sei domande, rimanendo sempre disposti a modificare il progetto in corso d’opera e fedeli ai dati che emergono. Come ci ricorda il grande generale Eisenhower: “Nel prepararsi per una battaglia, ho sempre scoperto che i progetti sono inutili, ma la pianificazione è indispensabile”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA