BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RAGIONE E FEDE/ Ugo Amaldi, quando le equazioni parlano di Dio

Pubblicazione:

Michelangelo, particolare della Cappella Sistina (Immagine d'archivio)  Michelangelo, particolare della Cappella Sistina (Immagine d'archivio)

Nel 2012 al Premio internazionale della Scuola di Cultura Cattolica di Bassano del Grappa ricorrono tre anniversari: il trentesimo compleanno del premio, i cinquant’anni dalla fondazione del Comune dei Giovani, i cent’anni dalla nascita di Don Didimo Mantiero.

«Fin da quando è nato 30 anni fa, il Premio alla Cultura Cattolica della città di Bassano ha sempre avuto come obiettivo quello di indicare al pubblico delle personalità che, nel loro specifico ambito di competenza, abbiano saputo “fare della fede cultura”, come diceva Papa Giovanni Paolo II. Non a caso nel tempo sono stati premiati esponenti di tutti i campi del sapere: dalla filosofia alla teologia, dal giornalismo al cinema, dalla musica alla letteratura, dalla scultura alla scienza. Tutti i premiati sono accomunati dall’essere riusciti ad avere uno sguardo particolare sulla realtà e sull’uomo, uno sguardo determinato dalla loro fede in Gesù Cristo. Queste personalità sono la conferma che la fede non è un limite nell’esercizio della ragione, ma semmai è qualcosa che potenzia la capacità della ragione di comprendere la realtà e di dare un giudizio su di essa». Così si esprime il presidente della Scuola di Cultura Cattolica Andrea Mariotto.

Tra gli illustri personaggi che hanno conseguito il premio annoveriamo i filosofi Augusto del Noce e Cornelio Fabro, il pontefice Joseph Ratzinger (allora cardinale), i cardinali Giacomo Biffi, Carlo Caffarra, Camillo Ruini, Angelo Scola, il fondatore di Comunione e Liberazione don Luigi Giussani, i giornalisti e scrittori Vittorio Messori e Cesare Cavalleri, il teologo René Laurentin, il romanziere Eugenio Corti, l’ambasciatore degli Stati Uniti presso la Santa Sede Mary Ann Glendon.

Quest’anno è stato insignito del premio il fisico italiano Ugo Amaldi, «il primo scienziato di ricerca che riceve il riconoscimento. La sua attività non si è limitata alla ricerca pura, ma si è allargata alla ricerca applicata nella cura dei tumori. Attraverso la fondazione Tera vengono curati ogni anno migliaia di pazienti. Inoltre, Amaldi è membro del comitato per il Progetto Culturale creato dalla Cei» (A. Mariotto). Tra le motivazioni con cui la Scuola di Cultura Cattolica di Bassano ha conferito il premio a Amaldi leggiamo: «Scienziato di fama internazionale, Ugo Amaldi è anche uomo di profonda fede. Il suo amore per la scienza, per la verità e per l’uomo appaiono sempre saldamente ancorati alla fiducia nello Spirito Santo. Non a caso i difficili dibattiti di questi anni su scienza e fede lo hanno visto tra i principali protagonisti. La sua competenza, il suo rigore rispetto a un concetto di ragione «ampio» e mai riduttivo, la sua straordinaria capacità di rendere comprensibili anche i problemi più intricati della fisica contemporanea fanno di lui uno dei testimoni più eloquenti, anche se discreti, di quanto la cultura cattolica sia oggi viva e vitale».



  PAG. SUCC. >