BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GENDER/ Il pensiero unico e le farfalle di Hegel

Pubblicazione:

Plodia interpunctella (Immagine dal web)  Plodia interpunctella (Immagine dal web)

Per lavoro devo occuparmi da molti anni di sesso. Non a livello umano, ma animale.

Vi è un flagello delle farine e delle paste alimentari che mette spesso in seria difficoltà chi detiene e gestisce un molino. Ma anche in casa, se si lasciano scoperte confezioni di pasta o del pane raffermo o vi sono sul tavolo dei fiori secchi, ecco che arriva lei, la Plodia interpunctella, una farfalla di color crema alla base e di bruno arancio nella parte distale. E' una femme fatale che attira i maschi e così si ovodepongono oltre 200 uova in ogni accoppiamento. Da qui le larve, pericolose e voraci, e poi di nuovo le splendide farfalle. Che fare per combattere la Plodia? A livello mondiale si usa un curioso ritrovato della chimica: il feromone sessuale. Sono sostanze aeree che si disperdono nell'ambiente e liberano nell'aria un elemento a forte carica attrattiva nei confronti del maschio, che viene così catturato in appositi contenitori di plastica. E' un controllo/limitazione delle nascite adottato su vasta scala nelle industrie alimentari. Inodore per l'uomo, ecologico, silenzioso.

Ma c'è dell'altro. Se il controllo/limitazione delle nascite, ottenuto evitando l'accoppiamento, vuole essere fatto in modo ancor più sofisticato, all'attrazione sessuale si sostituisce la confusione sessuale. Un piccolo dispenser eroga una polverina impalpabile, si tratta di un feromone sessuale femminile, un artificiale odore di femmina, di cui i maschi, alla ricerca della preda, si imbrattano le ali, spargendo ovunque volino la fatidica sostanza. Allora, e nessuno di noi se n'è accorto, quell'ambiente sembra pieno di femmine che femmine non sono. E le farfalline non si riproducono, diminuisce la loro presenza e il repentino calo demografico riduce i rischi per le nostre farine e i nostri biscotti. Tutto è bene quel che finisce bene. La morale è salva e la produzione di alimenti più integra, più sana.

L'opera in cui Hegel esprime in modo splendido e unico il suo vigore filosofico è la Fenomenologia dello spirito (1807). Interessante il sottotitolo: Scienza della esperienza della coscienza. "La coscienza è a se stessa la propria misura", dice sin dall'inizio il grande filosofo di Stoccarda. La sua opera  è stata considerata, e a ragione, la grammatica trascendentale del pensiero moderno. Ciò vuol dire che, da quel momento, non si può più pensare che in un certo modo, nel suo modo. La coscienza come misura, criterio di ogni avventura della ragione, è prodotta dall'autocoscienza.  Aver coscienza della propria coscienza equivale a produrla, a crearla, a volerla. L'aver coscienza di qualcosa è come concepire quella cosa.

Lacan direbbe: lasciamoci guidare da lalingua (tutto attaccato): connaître (conoscere) equivale a co-naître (co-nascere). 

Dunque io sono ciò che decido di essere, ciò che voglio essere. 



  PAG. SUCC. >