BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IL CASO/ Pelanda: serve una Norimberga-2 contro l’"Olocausto" della Merkel

Per CARLO PELANDA, la crisi indotta in Italia nel 2011 è stata un olocausto che dal punto di vista economico ha prodotto due milioni di morti, e sarebbe necessaria una Norimberga 2

Angela Merkel (Infophoto) Angela Merkel (Infophoto)

«La crisi indotta in Italia nel 2011 è stata un “olocausto” che dal punto di vista economico ha prodotto due milioni di “morti”. Per avere giustizia sarebbe necessaria una Norimberga 2 che veda Angela Merkel come principale imputato». Ne è certo Carlo Pelanda, professore di Politica ed Economia internazionale nell'Università della Georgia. Il Financial Times ha pubblicato una lunga ricostruzione delle fasi salienti della crisi politica ed economica avvenuta tre anni fa in Europa, e che portò al commissariamento della Grecia e alla caduta del governo Berlusconi. Episodi significativi come quando il capo del Fondo monetario internazionale, Christine Lagarde, parlando di fronte alla Merkel, al capo dell’Eurogruppo Juncker, a Barroso e Van Rumpuy, esordì dicendo: “L’Italia non ha credibilità”.

Professore, che cosa c’è dietro alle ricostruzioni del Financial Times?

L’Italia è andata in olocausto economico senza alcun motivo, e lo stesso è avvenuto per Grecia e Spagna. La Spagna aveva la bolla immobiliare, la Grecia i conti truccati, però l’Italia ha rappresentato un caso molto specifico. Si sono intersecati un complotto interno per sostituire Berlusconi con una forte aggressione esterna. Ciò ha fatto due milioni di “morti” economici, e quindi è stato un genocidio. La sensibilità inglese di fronte ai genocidi è quella di denunciarli, andare a trovare i responsabili e processarli. Da un punto di vista culturale, l’opinione pubblica britannica è l’unica ad avere ancora fiducia nella giustizia e in sanzioni adeguate nei confronti dei delitti contro l’umanità. Il cuore dell’operazione del Financial Times è quella di dire: “Attenzione perché dovremmo fare una Norimberga 2”.

È sicuro che la parola “olocausto” non sia esagerata?

Quando l’Italia uscirà da questa crisi, resterà un quarto della popolazione a cui è stata stravolta la vita e uccisa la speranza. Mi riferisco soprattutto a molti anziani, che non hanno voce e che almeno dovrebbero avere giustizia, e a molti giovani che hanno meno opportunità di ciò che il sistema potrebbe offrire loro. Per questo parlo di “olocausto”.

In virtù di quale diritto e davanti a quale tribunale può essere organizzata una Norimberga 2?


COMMENTI
23/05/2014 - I nòccioli (Vittorio Cionini)

Non preoccupiamoci le cose andranno a posto in qualche modo, a questo punto solo cruento. La Storia (notate la lettera maiuscola) europea si ripete ciclicamente. Difficile prevedere l'evolversi preciso degli eventi data la eterna confusione di interessi trasversali a tutti i livelli. Abbiamo sempre assistito alle battaglie verbali, e non solo, tra interventisti e pacifisti con la costante sconfitta di questi ultimi e le conseguenti guerre e paci. Norimberga due? A cosa é servita la prima? A illudere le nostre coscienze democratiche di aver fatto giustizia dopo aver distrutto mezza europa e creato le condizioni per azzerare i debiti e ricominciare un nuovo ciclo ecomomico con la ricostruzione. Per ora non ci sono le condizioni bisogna aspettare e vedere come va a finire. Alla fine si contano i nòccioli si dice in toscana. Vittorio Cionini

 
22/05/2014 - Bisogna farli tutti i nomi (giorgio alberto crotti)

Facile parlare contro la Merkel, meno facile parlare dei responsabili italiani. Questi andrebbero processati per alto tradimento come quelli che c'erano nel dossier Mitrokin o come quelli che sono nominati nel libro di Donno "La Gladio rossa". Provate a parlarne se avete il coraggio.

 
22/05/2014 - facciamo una Noriberga 2, anzi no (Claudio Baleani)

Sintetizzo: Norimberga 2 per olocausto economico. Però non possiamo perché non c'è nessuna norma che lo prevede. Intanto la Merkel ha detto che i cittadini comunitari che vanno in Germania e abusano del loro sistema sociale non possono più tornare e anzi per loro prevede il carcere. In sostanza ai tedeschi non gli puoi toccare il portafoglio sennò unione o non unione ti sparano. Non si limitano a non darti l'assegno di disoccupazione. Ti mettono in galera. E allora? E allora fare questi discorsi su Norimberga fa ridere i polli. Gli americani ce l'avevano un legge che prevedesse quel processo? No. Avevano però una cosa migliore: i carrarmati. Siccome quella in corso è una guerra, dobbiamo decidere se combattere o no. Se vogliamo combattere esiste il sistema: 1) decreto legge che esenta da qualunque tassa il trasferimento del risparmio e depositi in moneta estera sia per istituzioni, sia per privati; 2) default immediato dello Stato con perdita per gli investitori esteri di circa 1000 miliardi; 3) nuova moneta per l'Italia; 4) ingresso in Italia dei capitali di qualunque genere a costo 0. Se non vogliamo combattere ci teniamo Renzi sperando che non ci schiaccino del tutto. Vi informo che il candidato strombazzato da questo giornale, Schultz, è molto difficile che passerà. I tedeschi non lo vogliono e dunque non si farà. Peraltro con mia soddisfazione.

 
22/05/2014 - Norimberga (Diego Perna)

La causa della nostra situazione non é la Merkel, ma i ns politici che hanno pensato solo, e lo fanno ancora, al loro prestigio, imbottendoci quotidianamente di belle parole su Europa euro e tutto il resto. Ci vuole un cambiamento di gerarchia di valori, non é possibile ancora sottacere quanti hanno situazioni economiche difficili se non disperate, perchè dobbiamo essere necessariamente favorevoli alle decisioni prese sulle teste dei meno forti, cioé dei piú deboli che pagano il lusso di pochi. Buona giornata