BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA E POLITICA/ Grecia e Ucraina mettono "all'angolo" Ue e Usa

Pubblicazione:giovedì 12 febbraio 2015

Infophoto Infophoto

«L’incancrenirsi della crisi greca interromperebbe le condizioni favorevoli di cui sta beneficiando l’economia italiana per la riduzione del cambio dell’euro, il quantitative easing e l’abbassamento del prezzo del petrolio». Lo afferma Leonardo Becchetti, professore di Economia Politica all'Università Tor Vergata di Roma, secondo cui «a ciò si aggiungerebbe un secondo effetto negativo, in quanto non sarebbero restituiti i prestiti fatti dall’Italia alla Grecia pari a 40 miliardi di euro, che equivalgono al 2% di rapporto debito/Pil in più». La crisi greca ieri è stata tra i temi dell’Eurogruppo, anche perché il governo di Atene ha presentato un pacchetto in cinque punti che prevede tra l’altro un programma-ponte fino ad agosto.

 

La Germania mantiene la linea dura sul debito greco. Come valuta questa posizione?

Quelle cui stiamo assistendo sono schermaglie molto dure per cercare di ottenere il massimo beneficio possibile nella trattativa, ma né al creditore né al debitore conviene che questa fallisca. Per la Grecia i rischi di un default e di un’uscita dall’euro sarebbero elevatissimi. È vero che potrebbe svalutare il cambio, ma avrebbe un’inflazione altissima e una grave difficoltà ad accedere nuovamente a flussi di credito.

 

La Germania non avrebbe nulla da perderci da una nuova crisi greca?

Anche per i Paesi dell’area euro, Germania inclusa, i costi di una crisi greca sarebbero molto elevati. Ciò non soltanto per la mancata restituzione dei prestiti, in quanto il 70% del debito greco è in mano a istituzioni, ma anche per la percezione da parte del mercato del fatto che la possibilità che un Paese esca dall’euro non è qualcosa di impossibile.

 

Con quali effetti?

Ciò aumenterebbe la percezione di rischiosità anche di altri Paesi nell’area euro. Nessuno ha interesse a fare saltare il tavolo, ma a tutti conviene raggiungere un equilibrio che sia il più vicino possibile alle proprie richieste. Proprio qui sta il gioco di mostrarsi i più duri possibile a parole, per aumentare il proprio potere contrattuale.

 

E per l’Italia quali sarebbero le conseguenze?

L’Italia per fortuna sembra godere del basso cambio dell’euro, del Quantitative easing e della riduzione del prezzo del petrolio. Se non ci fosse stata la crisi greca, per noi si sarebbe aperta una situazione molto favorevole in termini di rischio percepito dai mercati e di riduzione del costo del debito. Alle ultime aste l’Italia è riuscita a finanziare un tasso d’interesse dell’1,6%, che è veramente basso.

 

Che cosa accadrà ora?


  PAG. SUCC. >