BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Imparare facendo: bambini a "lezione" di scrittura da Stephen King

Pubblicazione:

scuola_bambini2R400.jpg

Da alcuni anni la scuola primaria “La Zolla” di Milano propone un evento interessante e significativo nel metodo che copre l’arco temporale di una settimana. Fino a tre anni fa tale evento si titolava “Bancarella del libro” e consisteva in occasioni di lettura, di ricerca di libri interessanti, di incontri ravvicinati con la parola scritta, ma scritta da altri. Negli ultimi anni la settimana è stata intitolata “Festival del libro” ed ha avuto, tra gli altri, lo scopo di offrire agli alunni la possibilità di trasformarsi, passando dalla lettura, in attori protagonisti di scrittura. In realtà le due abilità lettura e scrittura hanno delle connessioni, non esiste l’una senza l’altra. La scrittura è intensamente connessa con l’attività della lettura: Stephen King sostiene che “se volete fare gli scrittori, ci sono due esercizi fondamentali: leggere molto e scrivere molto” (On writing).

 

La settimana si è praticamente strutturata come un “laboratorio di scrittura” che ha offerto agli alunni occasioni e modalità diversificate - in base alla classe frequentata - di essere protagonisti e produttori di lingua scritta. Ancora S. King espone due temi, entrambi semplici relativi alla scrittura. “Il primo è che la buona scrittura si basa sulla padronanza dei fondamentali (vocabolario, grammatica, elementi di stile) e sul fatto che la vostra cassetta degli attrezzi contenga gli strumenti giusti. Il secondo è che, sebbene sia impossibile estrarre uno scrittore competente da un cattivo scrittore, e sia ugualmente impossibile tirar fuori un grande scrittore da uno bravo, è invece possibile, con molto duro lavoro, dedizione e aiuti tempestivi, trasformare in bravo scrittore uno scrittore che è solo competente”.

 

Ciò premesso, la scrittura  interessa anche perché ha una notevole valenza formativa per la costruzione e la conquista della propria identità e per la riflessione sulla propria esperienza. A sostegno, le nuove Indicazioni per il curricolo (2007) indicano il valore formativo della scrittura laddove evidenziano che “particolare cura sarà dedicata all’apprendimento della scrittura come strumento per conoscere e rappresentare gli aspetti della propria personalità e del mondo circostante, individuando nelle forme di scrittura narrative e autobiografiche un modo per ordinare e dare senso alle proprie esperienze”.

 



  PAG. SUCC. >