BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Toccafondi (sottosegretario): paritarie, evitato l'aumento delle rette

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Paritarie a rischio sopravvivenza? Il rischio (per ora) è stato evitato. Ma il problema rimane ed è rappresentato dalle aliquote Tares decise dai comuni "Il tributo per la paritaria in alcuni comuni viene calcolato a metro quadro della struttura, mentre quello della scuola statale a bambino iscritto: come se gli alunni di una scuola sporcassero di più di quelli di una altra scuola" spiega a ilsussidiario.net Gabriele Toccafondi, sottosegretario all'Istruzione con delega alle scuole paritarie. Che vanta un risultato del governo: aver evitato l'aumento delle rette. Ecco i numeri.

Sottosegretario Toccafondi, con la legge di stabilità siete riusciti a ripristinare i fondi per le scuole paritarie. Lo considera un successo personale?
È stato un successo del governo nel suo insieme. Certo se non c'era il nuovo centrodestra al Governo e magari c'erano Sel o i grillini, non so come sarebbe andata. Un esempio, ma ne potremmo fare tanti, per capire che noi stiamo in questo strano governo con il Pd per fare il bene del paese e non per occupare poltrone. Certamente, da parte mia che ho la delega alle scuole paritarie, c'è stato un impegno particolare perché venissero ripristinati i fondi.

Che cos'ha ottenuto?
Per quest'anno è stato garantito uno stanziamento di poco inferiore ai 500 milioni di euro. Innanzitutto, sono stati sbloccati gli ultimi 82 milioni di euro congelati per il 2013; mentre, per il 2014, la legge di stabilità ha stabilito il reintegro di 220 milioni di euro che si vanno a sommare ai 274 milioni già previsti, per un totale di 494 milioni di euro.

Quindi?
Se questi fondi non fossero stati reintegrati, le scuole paritarie sarebbero sicuramente andate incontro a un taglio degli stanziamenti pari al 45 per cento, che sarebbe automaticamente corrisposto a un raddoppio delle rette. Ma il governo ha voluto dare garanzie economiche a queste scuole e ha voluto darle soprattutto agli oltre un milione di studenti che frequentano le 13.500 scuole paritarie d'Italia e alle loro famiglie.

Le difficoltà per il mondo dell'istruzione paritaria non sono finite. Tares e Imu rischiano di metterla seriamente in pericolo. Cosa state facendo al riguardo?
Il problema c'è ed è reale. Tares e Imu rischiano di affossare irreparabilmente gli istituti non statali. Ne stiamo discutendo con il Mef e con i comuni. Con l'applicazione della Tares e, dal 2014, dell'Imu, la parità giuridica tra scuola statale e non statale rischia di essere disattesa nei fatti. Non si capisce, infatti, perché una scuola gestita dallo Stato o dalla Provincia non debba pagare l'Imu e perché lo debba fare un istituto paritario che, come riconosce la legge, fornisce lo stesso servizio pubblico.

E quanto alla Tares?



  PAG. SUCC. >