BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

UNIONI GAY/ Roccella: così l’Udc prepara la sconfitta dei valori non negoziabili

Pubblicazione:

Pier Luigi Bersani e Pier Ferdinando Casini  Pier Luigi Bersani e Pier Ferdinando Casini

“Dietro le parole anche molto dure di Casini contro i matrimoni omosessuali, si legge un’apertura alle unioni gay. Nella posizione del leader Udc ci sono dei margini di forte ambiguità. I valori non negoziabili come la famiglia devono essere fatti pensare a livello di alleanze, non farlo significa preparare il terreno per una loro sconfitta in Parlamento”. Ad affermarlo è l’onorevole del Pdl, Eugenia Roccella, che interviene sulla presa di posizione del leader Udc, Pier Ferdinando Casini, e sull’articolo di Paola Binetti uscito su Ilsussidiario.net. Quest’ultima, riferendosi alle unioni gay, affermava che “su questi temi non è possibile fare nessun tipo di accordo di natura elettorale o di programma di governo. Non sono all’ordine del giorno, non faremo mediazione e voteremo contro come abbiamo sempre fatto, cercando per di più di portare dalla nostra parte i Pd-dissenzienti”.

 

Onorevole Roccella, che cosa ne pensa della posizione di Casini sulle unioni civili?

 

In tutta la posizione di Casini ci sono dei margini di forte ambiguità e anche qualcosa di contraddittorio. La questione antropologica e i valori non negoziabili devono essere centrali per una forza come l’Udc, che si richiama alla dottrina della Chiesa e ritiene di avere un’ispirazione e una cultura cattolica. Il cardinale Angelo Bagnasco e il Papa Benedetto XVI hanno sempre insistito su tre principi - vita, famiglia e libertà d’educazione - come punto centrale dei cattolici in politica. Penso per esempio al discorso del presidente della Cei al congresso di Todi. E’ quindi difficile accantonare la questione come se fosse sostanzialmente marginale nel dibattito politico, e non coinvolgesse i partiti in quanto tali ma le libere coscienze di ciascuno. D’altra parte questi temi che lo si voglia o no sono continuamente al cuore del dibattito politico.

 

Casini dice di essere contro i matrimoni gay, ma a favore delle unioni gay …

 

I matrimoni gay sono esclusi dalla nostra Costituzione, quindi non ci saranno per i prossimi cinque-dieci anni. Il prossimo passo non è certo questo, ma quello delle unioni gay. E’ a quest’ultime che il leader Udc spalanca la porta.

 

In che senso?



  PAG. SUCC. >