Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora. Borghi “Ue tossica, usciamo” (15 febbraio 2019)

- Silvana Palazzo

Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora. Il leghista Borghi invita ad uscire dall’Ue se la situazione non dovesse cambiare (15 febbraio 2019)

claudio borghi
Lega, Claudio Borghi (Facebook)

Claudio Borghi, responsabile economico della Lega, ha rilasciato delle dichiarazioni che stanno facendo discutere. Intervenendo ad un dibattito della Cisl, il presidente della Commissione Bilancio alla Camera è tornato a ventilare la possibilità che l’Italia lasci l’Unione Europea, un vero e proprio spettro per la maggior parte degli economisti e dei politici del Vecchio Continente: «Penso che le elezioni Europee siano l’ultima opportunità – afferma l’esponente del Carroccio – se a seguito di queste elezioni ci saranno i soliti mandarini guidati dalla Germania a guidare politiche economiche, sociali e migratorie, io dirò di uscirne. O riusciamo a cambiare l’Europa in meglio o dovremo uscirne». Secondo lo stesso Borghi, il progetto dell’Unione Europea è «fallimentare e tossico per l’Italia», e di conseguenza, se l’ambiente rimarrà “tossico”, «dirò “andiamocene fuori”». Ma come si potrebbe risolvere la situazione? Secondo Borghi la strada da percorrere sarebbe quella di abolire il pareggio di bilancio e di sostituirlo con “disoccupazione zero”: «Invece di essere contributori netti diventeremmo recettori netti, la Germania dovrebbe pagare per mettere su politiche del lavoro nei Paesi in cui c’è disoccupazione, in certi casi causata anche dalle sue politiche e dal suo modo predatorio di condurre il commercio internazionale». (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

Ultime notizie. Umberto Bossi: il bollettino medico

Come previsto è stato emesso il bollettino medico ufficiale in merito alle condizioni fisiche del “senatur” Umberto Bossi. Al momento il fondatore della Lega è in condizioni stabili e vigili ed è reattivo, ma verrà costantemente monitorato per le prossime 24/48 ore, con nuovi esami ed accertamenti neurologici. A spiegarlo è stato il direttore sanitario dell’ospedale di Varese durante conferenza stampa di oggi, tenuta a fianco del figlio di Umberto, Renzo Bossi. Numerose le visite ricevute in queste ore dal presidente a vita della Lega, compresa quella del governatore della regione Lombardia, Attilio Fontana: «Posso dire che dalle ultime notizie sta meglio – le sue parole all’uscita dall’ospedale – sicuramente si e’ scongiurato quello che ieri si temeva cioè che potesse essere un’emorragia cerebrale. Non c’e’ stato nessun tipo di danno neurologico, pare che si sia trattato di una crisi determinata dalle alterazioni di alcuni valori del sangue, forse causati da medicine che sta assumendo. Questo e’ quello che hanno detto i medici. Quindi meglio». Non è ancora chiaro se Bossi abbia avuto un ictus o un attacco epilettico, fatto sta che ieri il senatore si è sentito male in casa, dopo di che è svenuto ed ha sbattuto violentemente la testa. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

Ultime notizie: Ambasciatore di Francia verso Roma

Sembra essere ormai rientrata la crisi fra Italia e Francia scoppiata negli scorsi giorni. I vicini di casa transalpini hanno infatti annunciato quest’oggi che Christian Masset, l’ambasciatore di Francia a Roma, ripartirà per tornare ad occupare il suo posto nella capitale. A darne notizia è stata Nathalie Loiseau, ministro per gli affari europei, parlando stamane ai microfoni di Rtl. Il diplomatico d’oltralpe era stato richiamato in patria il 7 febbraio scorso, poco più di una settimana fa, per delle consultazioni a seguito delle tensioni createsi con il governo italiano. Loiseau ha motivato la decisione di far rientrare in Italia l’ambasciatore con tali parole: «Il presidente della Repubblica italiana, Mattarella, ha telefonato al presidente Macron, si sono parlati, hanno detto insieme fino a che punto è importante l’amicizia tra la Francia e l’Italia, a che punto i due paesi hanno bisogno uno dell’altro. Abbiamo anche ascoltato dei leader politici che si erano lasciati andare a parole o comportamenti francamente non amichevoli e inaccettabili, mostrare rammarico». Il ministro francese ha concluso il proprio intervento dicendo: «L’Italia ha bisogno della Francia, quindi lavoriamo insieme». (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

Ultime notizie: Bossi ricoverato d’urgenza per un malore

E’ stato trasportato con l’elisoccorso all’ospedale in “codice rosso” Umberto Bossi il fondatore e padre storico della Lega. L’ex numero uno del Carroccio a quanto si apprende è caduto in casa, forse a causa di un ictus o di una crisi epilettica, i familiari hanno allertato immediatamente i soccorsi, che una volta giunti a causa della gravità della situazione hanno deciso di trasportarlo con urgenza in un ospedale più attrezzato. Vista l’urgenza è stato deciso di utilizzare un elicottero dell’elisoccorso regionale, il mezzo è atterrato all’ospedale di Varese nel tardo pomeriggio. I sanitari hanno confermato il ricovero di Bossi, non hanno però rilasciato notizie sulle sue condizioni di salute, affermando che oggi alle 12.00 sarà rilasciato un bollettino ufficiale. Umberto Bossi era stato già colpito da ictus nel 2004.

Ultime notizie, bagarre in aula durante discussione sul referendum

Un’ironica affermazione del presidente della Camera Fico ha fatto scatenare una vera e propria bagarre nell’emiciclo. Tutto è successo quando un deputato grillino durante la discussione ha fatto il segno delle manette a un deputato del Partito Democratico. Visto il gesto e soprattutto visto che il presidente, il grillino Fico, non prendeva nessuna misura verso il collega di partito, il PD nella sua interezza ha deciso di abbandonare la seduta, passando sotto lo scranno Delia presidenza i “dissidenti” hanno ricevuto il saluto ironico dello stesso Fico, e di la è scoppiata la bagarre che ha visto anche il lancio di un dossier verso i banchi del governo. Fico ha sospeso prima temporaneamente e poi del tutto la seduta, non prima però di aver chiesto scusa per quella che lui stesso ha battezzato come “una battuta infelice”.

Ultime notizie, nuovo schiaffo per la May

303 contro 258 questo il risultato del nuovo schiaffo che ha ricevuto Theresa May sulla questione Brexit. La mozione tendeva ad ottenere un ricompattamento della maggioranza per avere un sostegno durante i nuovi colloqui con la commissione Europea. La mozione ha però scontentato i compagni di partito della May che l’hanno vista troppo soft, soprattutto nella parte in cui si parlava di backstop, non proponendo invece apertamente un opzione di “no Deal”. La sconfitta indebolisce ulteriormente la premier che si ritrova nel periodo più buio della sua carriera politica, di fronte a lei l’incubo della recessione, una recessione che con l’uscita senza accordo dall’Unione Europea sembra sempre più vicina.

Ultime notizie, bimba picchiata a sangue dal compagno della madre

Ennesimo fatto di cronaca che vede protagonisti i bambini quello avvenuto a Genzano, un popoloso centro alle porte di Roma. Qui una piccola bambina di appena 22 mesi è stata picchiata a sangue dal compagno della madre, un 24enne di cui non sono state rilasciate le generalità. La vicenda è stata scoperta in ospedale. Qui inizialmente la madre aveva dichiarato che la piccina era caduta dalle scale, le lesioni sul suo volto erano però incompatibili e per questo i sanitari hanno allertato gli uomini del locale commissariato. Gli agenti hanno immediatamente interrogato il compagno della madre, che si è giustificato affermando che la piccola “piangeva troppo”. L’uomo immediatamente arrestato è stato trasportato in carcere in attesa dell’interrogatorio di garanzia, da valutare la posizione della madre.

Ultime notizie, i risultati delle italiane in Europa League

L’andata dei sedicesimi di Europa League si apre per le squadre italiane con la sconfitta della Lazio in casa con il Siviglia. Un ko che rischia di compromettere il cammino europeo della squadra di Inzaghi. A decidere il match il gol al 22′ di Ben Yedder. La Lazio ha fatto fatica a reagire a causa dei diversi infortuni che hanno colpito la squadra: Luis Alberto, Parolo e Bastos sono stati costretti a uscire. L’Inter invece ha vinto 1 a 0 in casa del Rapid Vienna, ipotecando la qualificazione agli ottavi. Reduce dal caos Icardi, la squadra di Spalletti ha capitalizzato al meglio il rigore procurato e realizzato al 39′ da Lautaro Martinez. Nella ripresa Handanovic salva il risultato su Knasmullner, mentre Nainggolan non è riuscito a trovare il raddoppio. Tutto facile per il Napoli nel match di andata dei sedicesimi di Europa League con la vittoria per 3 a 1 sul campo dello Zurigo. La gara si sblocca con Insigne dopo appena 11′ su assist di Milik e per un erroraccio del portiere Brecher. Al 21′ raddoppia Callejon su cross di Malcuit, mentre Zielinski al 77′ chiude i conti, prima del cucchiaio su rigore di Kolli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA