NORD OVEST, RISULTATI ELEZIONI EUROPEE 2019/ Seggi e preferenze: boom Lega, M5s ko

- Niccolò Magnani

Risultati Nord Ovest, elezioni Europee 2019: dati definitivi Circoscrizione, Lega al 40,7%, mentre il Pd al 23,5%. Il Movimento 5 Stelle si ferma all’11%: seggi e preferenze

risultati elezioni europee 2019, circoscrizione nord ovest
Matteo Salvini ringrazia gli italiani sui social (Foto: Facebook)

I VOTI IN LIGURIA E LOMBARDIA: RISULTATI NORD OVEST

Con i dati definitivi giunti dal Viminale, ecco la composizione dei seggi per il Nord Ovest: 9 alla Lega (40,7%), 5 al Pd (13,5%), 2 per Forza Italia (8,8%), M5s (11,1%) e Fratelli d’Italia (5,7%). Proseguiamo invece nella raccolta dei voti per il Nord Ovest, completando con la Liguria e la Lombardia: provincia di Genova – Lega 30,2% PD 27,5%; M5S 17,5; Forza Italia 7,32%; Fratelli d’Italia 5,3; + Europa 3.4; Europa Verde 2,6; La Sinistra 2,3%. Provincia di Savona – Lega 38,7%; PD 21,8; M%S 15,09; forza Italia 8,36; Fratelli d’Italia 5,2; + Europa 2,7%; Europa Verde 2,39%. Provincia di Imperia – Lega 40%; PD 17,3%; M5S, 14,7%; Forza Italia 9,9%; Fratelli d’Italia 8,1%; + Europa 2,2%; Europa Verde 2,2% La Sinistra 1,5. Provincia di La Spezia – Lega 34,8%; PD 26,3%; M5S 16,1%; Forza Italia 6,7%; Fratelli d’Italia 5,2%; + Europa 2,6; La Sinistra 2,2%. Per quanto riguarda invece la Lombardia, ecco i risultati con i dati definitivi dei singoli partiti alle Elezioni Europee: Provincia di Sondrio – Lega 53,3%; PD 15,3%; Forza Italia 9,7%; M5S 6,1%; Fratelli d’Italia 5,3%: + Europa 4,1% Europa Verde 2%; La Sinistra 0,9%. Provincia di Como – Lega 48,3%; PD 18,5%; Forza Italia 9,1%; M5S 8,6%; Fratelli d’Italia 5.9%; + Europa 2,9%; Europa Verde 2,4%; La Sinistra 1%. Provincia di Milano – Lega 34,1%; PD 29%; M5S 10,7; Forza Italia 9,3% Fratelli d’Italia 5,4%. Provincia di Lecco – Lega, 45,1%; PD 22,4%; Forza Italia 8,7%; M5S 7,9%; Fratelli d’Italia 5,7%. Provincia Monza Brianza – Lega 41,5%; PD 23,5%; M5S 10,3%; Forza Italia 9,9%; Fratelli d’Italia 5,3%. Provincia di Bergamo – Lega 51,1%; PD 19,8%; Forza Italia 7,5%; M5S 6,8%; Fratelli d’Italia 5,6%. Provincia di Brescia – Lega 49,5%; PD 20,5%; Forza Italia 7,9%; M5S 7,6%; Fratelli d’Italia 5,5%. Provincia di Pavia- Lega 47,2%; PD 19,3%; M%S 9.5%; Forza Italia 9,5%; Fratelli d’Italia 5,4%. Provincia di Lodi – Lega 45,8%; PD 20,3%; M5S 10,3%; Forza Italia 9,1%; Fratelli d’Italia 5,2%. Provincia di Cremona – Lega 46,4%; PD 20,4%; Forza Italia 9,4%; M5S 8,9%; Fratelli d’Italia 5,7%. Provincia di Mantova – Lega 43,4%; PD 23,6% M5S 11%; Forza Italia 7,4%; Fratelli d’Italia 5,1%. (agg. di Paolo Vites)

ELETTI E PREFERENZE: LEGA – PD – M5S – FORZA ITALIA – FDI

RISULTATI NORD OVEST: VOTI IN VALLE D’AOSTA E PIEMONTE

Quando ormai i dati sono per lo più definitivi (mancano pochissime sezioni al Nord Ovest), soffermiamoci sui risultati in Piemonte e in Valle d’Aosta dove la Lega si afferma con il 37,7% dei voti; segue il PD con il 16,2%; Autonomie per l’Europa con il 13,8%; M5S con il 9,6%; Forza Italia prende il 5,3; Europa Verde il 4,6%; + Europa il 3,7; Fratelli d’Italia il 3,2% e La Sinistra 2,6%. In Piemonte, nella provincia di Verbano-Cusio-Ossola la Lega è al 44%; il PD il 21,4%; ilM5S è al 10,3%; Forza Italia l’8,99; Fratelli d’Italia 5,8%; + Europa al 2,3%; Europa Verde il 2,2; il Partito Comunista l’1,1%. In provincia di Vercelli la lega è al 44,3%; il PD al 19; il M5S al 10,6%; Forza Italia il 10,1%; Fratelli d’Italia al 6,3%; + Europa al 3,3%; Europa Verde 1,6% e La Sinistra lo0,9%.Provincia di Novara Lega 40,8%; il PD il 21,4%; il M5S l’11,30%; Forza Italia il 9,9% Fratelli d’Italia il 9,9%; Fratelli d’Italia il 7,5%; + Europa il 2,6% e La Sinistra lo 0,8%. A Biella e provincia la Lega ha il 41,9%; il PD il 19,3%; Il M5S l’11,2%; Forza Italia il 9,4%; Fratelli d’Italia il 7,6% + Europa il 3,4; Europa Verde 2,2 e La Sinistra 12,26%. In provincia di Alessandria si impone la Lega con il 421,7%; il PD il 20,8%, il M5S è al 12,8; Forza Italia il 10,1%, Fratelli D’Italia il 5,8; +Europa il 2,2; Europa Verde l’1,8 e la Sinistra l1,1%. Ad Asti e provincia la Lega prende il 43,3%; il PD il 19,7; il M5S il 12; Forza Italia il 5,8; + Europa il ,6 e Europa Verde l’1,1; infine Cuneo, dove la Lega ha preso il 43.9: il PD il 20,1; Forza Italia il 9,8%; il M5S il 9,5; Fratelli d’Italia il 6%; + Europa il 3,3; Europa Verde i 2,2 e La Sinistra l’1,2%. (agg. di Paolo Vites)

RISULTATI ELEZIONI EUROPEE 2019, TRIONFO LEGA

Mancano poche decine di sezioni ancora da scrutinare al Nord-Ovest ma si può già certificare in questa circoscrizione delle elezioni Europee il trionfo della Lega di Matteo Salvini con il 40,61% dei consensi frutto di più di 3 milioni di voti tra Lombardia, Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta. In seconda posizione si porta il Partito Democratico, che ottiene il 23,48% dei consensi ma soprattutto stacca di un milione di voti i rivali del MoVimento 5 Stelle, sprofondati all’11,18%. In tendenza con il dato nazionale il risultato di Forza Italia, con Silvio Berlusconi che riesce ad arrivare all’8,79% portando a casa quasi 700mila voti. Giorgia Meloni fa sentire il suo fiato sul collo del Cavaliere con il 5,65%. Restano al di sotto della soglia del 4% +Europa di Emma Bonino, incapace di superare il 3,15%, ed Europa Verde al 2,43%. (agg. di Dario D’Angelo)

RISULTATI ELEZIONI EUROPEE 2019, DATI QUASI DEFINITIVI

Si può parlare quasi di risultati definitivi per le europee 2019 nella circoscrizione Nord-Ovest. Vi sono infatti i dati di 15.847 sezioni su 15.988. La Lega supera il 40%, attestandosi al 40,65%, mentre il Partito democratico raggiunge il 23,47%. Il Movimento 5 Stelle riesce ad arrivare all’11,18%, davanti a Forza Italia con l’8,79% e a Fratelli d’Italia con il 5,63%. Gli altri partiti non raggiungono il 4%. Guardando alle singole regioni, in Lombardia la Lega ottiene il 43,44% dei voti, mentre il Pd il 23,04%. Il Movimento 5 Stelle resta sotto il 10%, arrivando al 9,34%. Forza Italia si ferma all’8,85%, davanti al 5,52% di Fratelli d’Italia. In Piemonte la Lega sfiora il 37% (36,96%), con il Pd che raggiunge il 24,05% e M5s che supera il 13% (13,41%). Forza Italia si attesta al 9,07%, con Fratelli d’Italia che raggiunge il 5,93%. In Liguria, la Lega si ferma al 33,88%, davanti al 24,94% del Pd. Il Movimento 5 Stelle riesce ad arrivare al 16,49%, mentre Forza Italia si attesta al 7,79%, davanti al 5,67% di Fratelli d’Italia. In Valle d’Aosta, infine, la Lega arriva al 37,17%, mentre il Pd al 16,22%. Terzo partito è Autonomie per l’Europa con il 13,85%. Il Movimento 5 Stelle si ferma al 9,69%, Forza Italia al 5,38%, mentre Europa Verde ottiene il 4,66%. (aggiornamento di Lorenzo Torrisi)

RISULTATI ELEZIONI EUROPEE 2019, SCRUTINIO NORD-OVEST

Risultati elezioni europee 2019 nella Circoscrizione Nord Ovest, procede lo scrutinio: siamo a 5.908 sezioni sulle 15.988 totali, i dati seguono il trend nazionale e lanciano la Lega di Matteo Salvini. Il Carroccio supera il 35 per cento, precisamente il 35,15%, staccando i partiti avversari. Il Partito Democratico raggiunge il 27,65%, in ripresa dopo il flop delle politiche 2018, mentre il Movimento 5 Stelle non argina il declino: 11,73%. Forza Italia si assesta al quarto posto con l’8,68%, seguito da Fratelli d’Italia al 5,52%. +Europa presenta dati più alti rispetto al resto delle altre circoscrizioni con il 3,72%, mentre Europa Verde raggiunge il 2,68. Qui di seguito i risultati degli altri partiti: La Sinistra 1,82%, Partito Comunista 0,84%, Partito Animalista 0,59%, Popolo della Famiglia 0,39%, Popolari per l’Italia 0,32%, Casapound Italia – Destre Unite 0,28%, Partito Pirata 0,25%, Autonomie per l’Europa 0,23%, Forza Nuova 0,14%. (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

RISULTATI ELEZIONI EUROPEE 2019, AFFLUENZA DEFINITIVA NORD-OVEST

Si sono chiuse in tutta Italia le urne delle elezioni europee 2019. Il dato nazionale alle ore 23 sembra attestarsi al 55,7%, in calo rispetto alle precedenti elezioni europee del 2014 (58,4%) e del 2009 (66,3%). Mentre la Lega appare il partito vincitore di questa tornata elettorale, e il M5s il grande sconfitto, addirittura dietro al Pd se i risultati definitivi confermeranno quelli delle proiezioni, nella circoscrizione nord occidentale l’affluenza è pari al 60,64% in queste europee 2019 contro il 61,9% delle precedenti, nel 2014. Veniamo al dettaglio delle singole Regioni. In Valle d’Aosta l’affluenza definitiva di queste europee (51,91%) supera di due punti quella del 2014, pari al 49,58%. C’è invece un calo in Piemonte, 65,33% contro il 68,09% del 2014; e disaffezione elettorale anche in Liguria, dove ha votato il 60,36% degli elettori rispetto al 62,42%  del 2014. Da ultimo, affluenza in vistoso calo in Lombardia, quasi 3 punti in meno (64,84%) delle scorse europee, 67,33%. Bisogna ricordare, per completezza, che in. Piemonte is è votato anche per il rinnovo dell’amministrazione regionale: mentre scriviamo, gli exit poll danno in testa Alberto Cirio, candidato del centrodestra, su Sergio Chiamparino, sponente storico del centrosinistra piemontese e nazionale, che si sarebbe – condizionale d’obbligo – fermato sotto il 40%. (aggiornamento di Federico Ferraù)

RISULTATI ELEZIONI EUROPEE 2019, I PRIMI VOTI SCRUTINATI NEL NORD-OVEST

Cominciano ad arrivare i primi risultati delle elezioni europee 2019 in Italia. Per quanto riguarda la circoscrizione Italia Nord-Ovest, le sezioni scrutinate sono solo 255 su 15.988 e complessivamente la Lega ha il 36,99% delle preferenze, mentre il Partito democratico arriva al 25,64% e il Movimento 5 Stelle si attesta al 12,71%. Quarto partito risulta Forza Italia, con l’8,22%, davanti a Fratelli d’Italia con il 5,45%. Gli altri partiti non raggiungerebbero il 4%. Guardando alle diverse regioni, nelle sezioni scrutinate in Lombardia, la Lega arriva al 43,18%, mentre il Pd al 23% e M5s al 10,22%. In Piemonte, invece, il primo partito, al momento, è il Pd con il 30,72% dei voti, contro il 29,76% della Lega e il 13,87% del Movimento 5 Stelle. In Liguria la Lega ha invece il 36,4% dei voti finora scrutinati, contro il 23,02% del Pd e il 16,14% di M5s. In Valle d’Aosta, la Lega raggiunge il 41,94%, mentre il secondo partito risulta Autonomie per l’Europa con il 17,43%, davanti al Pd con l’11,07%. Il Movimento 5 Stelle ha invece l’8,19%. (aggiornamento di Lorenzo Torrisi)

RISULTATI ELEZIONI EUROPEE 2019, AFFLUENZA ORE 19 ITALIA NORD-OVEST

Si avvicina la chiusura delle urne di queste elezioni europee 2019. I dati provenienti dai paesi europei indicano un notevole incremento storico dell’affluenza in molti paesi del continente, basti pensare al 49% (medie nazionali) della Spagna e al 43% di Romania e Francia, mentre l’Italia sembra mantenersi su un trend più contenuto. L’affluenza nazionale alle ore 19, secondo i dati del Viminale, è salita di 24 punti rispetto alle ore 12, passando dal 16,73% al 41,57%. L’affezione degli elettori alle urne nel pomeriggio di domenica è fedele al dato storico, quello delle urne 2014, nella circoscrizione Nord Ovest: qui il dato complessivo parla di una affluenza pari al 48,5%, poco più di un punto rispetto alle precedenti elezioni (47,36%). Nel dettaglio, in Liguria alle 19 ha votato il 49,03% degli aventi diritto, contro il 48,52% di cinque anni fa; in Piemonte il 51,85 rispetto al 51,97 delle ultime elezioni europee; la Lombardia passa dal 51,10 (2014) al 52,38% del 2019; in Piemonte l’affluenza si mantiene pressoché invariata, 51,47 nel 2014 e 51,95% nel 2019. Un aumento di 2 punti si registra in Val d’Aosta, che passa dal 37,49% (2014) al 39,31% (2019). Ricordiamo che in Piemonte gli elettori scelgono anche il prossimo governatore: si sfidano per il centrodestra unito Alberto Cirio, Sergio Chiamparino per il centrosinistra e Giorgio Bertola per M5s.

RISULTATI ELEZIONI EUROPEE 2019, AFFLUENZA ORE 12 ITALIA NORD-OVEST

È il giorno delle elezioni europee 2019. Il dato complessivo nazionale dell’affluenza in Italia alle ore 12 è 16,72%, una percentuale in linea con la medesima affluenza parziale (16,65%) registrata alle europee 2014. In una Europa nel mezzo della grande crisi economica, il Ppe si aggiudicò 221 seggi, il Pse 191, con un grande apporto determinato dal consenso ottenuto da Pd a guida renziana in Italia, che si aggiudicò il 40,8% dei consensi. Oggi le proporzioni, all’interno delle aree politiche italiane, risultano completamente ribaltate. Veniamo al dato della circoscrizione più popolosa, Italia nord-occidentale. Alle 12 di oggi, in Liguria l’affluenza è stata del 20,09%, Lombardia 20,80%, Piemonte 19,84%, Valle d’Aosta 16,32%. L’affluenza relativa alla circoscrizione è pertanto del 19,26%. Nel 2014, alla chiusura delle operazioni (ore 23) l’affluenza nell’Italia nord-occidentale era stata del 66%. L’incremento maggiore riguarda il voto valdostano (14,87% nel 2014), le altre Regioni vedono aumentare la partecipazione: Lombardia 20,52% nel 2014, Liguria e Piemonte 19,92%. Il sistema elettorale, proporzionale puro con soglia di sbarramento al 4%, mette in palio nel Nord-Ovest 20 seggi. Si tratterà quest’anno di vedere se le elezioni comunali, che interessano poco meno del 50% del totale dei comuni italiani, e le regionali piemontesi faranno da traino all’affluenza del voto europeo.

RISULTATI ELEZIONI EUROPEE 2019, ITALIA NORD OVEST: LE ULTIME NOTIZIE IN DIRETTA

Si apre il voto per le Elezioni Europee 2019 anche nella circoscrizione Nord-Ovest, la più “popolosa” delle 5 suddivisioni dell’elettorato in Italia secondo la legge vigente al voto per il Parlamento Ue. Sono ben 20 i seggi da assegnare nella Circoscrizione che comprende Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria e soprattutto Lombardia: qui ci sono praticamente tutte le liste partecipanti alle Elezioni Europee, ben 19, con relativi candidati che proveranno a puntare all’elezione diretta nel nuovo Europarlamento “sconvolgendo” le maggioranze presenti 5 anni fa. Tuona forte la Lega che dopo una lunga campagna sui territori fatta in primis da Matteo Salvini (capolista al Nord Ovest e in tutte le altre Circoscrizioni) è rimasta “incagliata” assieme a Forza Italia nella larga inchiesta sulle tangenti e la corruzione nei territori che ha portato fino al Governatore lombardo Fontana, indagato per abuso d’ufficio. Il centrosinistra, con l’ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia prova a dar seguito al successo di Beppe Sala e all’effetto Expo mentre il Movimento 5 Stelle punta ovviamente a “limitare i danni” in un’area del Paese dove non ha mai sfondato neanche nel “momento d’oro” appena dopo le Elezioni Politiche del 4 marzo scorso. Presenti tutti i “big” in campo nel Nord Ovest: Salvini, Berlusconi, Meloni, Pisapia, Della Vedova (segretario +Europa) e i leader dei partiti estremisti. Se peseranno le inchieste in Lombardia (con alcuni candidati addirittura indagati o arrestati, ndr) o la voglia di riportare il Centrodestra “compatto”, storicamente forte in Piemonte e Lombardia, saranno i risultati delle prossime ore a poterlo certificare.

CIRCOSCRIZIONE NORD OVEST: CANDIDATI CENTRODESTRA ALLE ELEZIONI EUROPEE 2019

Per quanto riguarda i candidati delle liste presenti nella Circoscrizione Nord Ovest, andiamo a osservare i nomi presenti nei partiti di Centrodestra, storicamente più “favoriti” specie in Lombardia e Piemonte, cominciando dalla Lega Salvini che sui 20 seggi in palio in questa circoscrizione punta decisamente molto della propria tornata di Elezioni Europee 2019. I candidati del Carroccio sono: Salvini Matteo, Andreina Heidi Monica, Campomenosi Marco, Cappellari Alessandra, Casiraghi Marta, Cattaneo Dante detto Dante, Ciocca Angelo detto Coccia, Gancia Gianna in Calderoli, Lancini Danilo Oscar, Marrapodi Pietro Antonio, Molteni Laura, Panza Alessandro, Poggio Vittoria, Porro Cristina, Racca Marco, Sammaritani Paolo, Sardone Silvia Serafina detta Nardone detta Silvia, Tovaglieri Isabella, Zambelli Stefania, Zanni Marco. Per quanto riguarda Forza Italia, scossa dalle inchieste (Lara Comi) e dagli arresti (Tatarella), il tentativo è di non perdere terreno rispetto all’alleato-rivale leghista e conquistare più seggi possibili nel nuovo Europarlamento: i candidati sono Silvio Berlusconi, Lara Comi, Massimiliano Salini, Giusy Versace, Anna Lisa Baroni, Daniela Ruffino, Amir Atrous, Salvatore Barbagallo, Damiano Bormolini, Cinzia Maria Bosso, Benedetta Gaia Cosmi, Elisabetta Fatuzzo, Francesco Graglia, Massimiliano Grimaldi, Matteo Motta, Roberta Paparatto, Mauro Parolini, Maria Rosa Assunta Porta, Pietro Tararella, Claudia Toso. Per quanto riguarda Fratelli d’Italia, la lista dei candidati al Nord Ovest vede: Giorgia Meloni, Francesco Alberoni, Giovanni Berrino, Fabrizio Bertot, Ubaldo Emilio Borchi, Marina Chiarelli, Novella Ferrini, Carlo Fidanza, Pietro Fiocchi, Daniela Garnero Santanché, Agostino Ghiglia, Rosaria Lombardi, Giovanni Maullu, Nicoletta Molinari, Federica Picchi, Mafalda Poli, Paola Renata Radaelli, Giuseppe Romele, Roberto Rosso, Maurizia Rota.

CIRCOSCRIZIONE NORD OVEST: CANDIDATI M5S-CENTROSINISTRA ALLE ELEZIONI EUROPEE 2019

Per quanto riguarda i partiti di centrosinistra e del Movimento 5 Stelle, i veri antagonisti alla maggioranza del Centrodestra nei 20 seggi in palio nella Circoscrizione Nord Ovest, la scelta è stata quella di puntare su nomi “nuovi” per il movimento di Di Maio mentre su personaggi più conosciuti nella società civile e nella stessa politica per il Partito Democratico. Cominciando dal M5s, ecco la lista dei candidati eleggibili alle urne: Maria Angela Danzì capolista, Casalino Eugenio, Evi Eleonora, Beghin Tiziana, Malivindi Silvia, Di Feo Christian, Macchi Paola, Gilardoni Marcella, Togno Andrea, Mastruzzo Giuseppe, Tromboni Daniele, Pizzighini Paola, Di Pierro Alessandro, Mesmaeker Marco, Palumbo Andrea, Barello Simona, Clerici Nicola, Migliore Maria Cristina, Ferraris Monica, Puozzo Piero. Per quanto riguarda il Pd invece la scelta di Zingaretti è stata quella di puntare su Pisapia e Majorino, volti molti noti tra i dem milanesi, e sull’ex Presidente di Regione Piemonte, Mercedes Bresso: ecco tutti i candidati, Pisapia Giuliano, Tinagli Irene, Morando Enrico, Toia Patrizia, Benifei Branco, Bresso Mercedes, Avanza Caterina, Faccani Giuliano, Bersanetti Monica, Graglia Pietro, Borsotto Ivana, Maiorino Pierfrancesco, Crosa Edda, Morgano Luigi, Mastromarino Anna, Mottinelli Pierluigi, Radicchi Angela, Pacente Carmine, Signoroni Lomi Ernestina.

ELEZIONI EUROPEE, I RISULTATI DEL 2014

Sembra passata un’eternità politica dal 2014: dominava Renzi, al momento più alto della sua carriera politica, soffriva il Centrodestra e scompariva quasi la Lega Nord, salvo per quel Matteo Salvini che veniva eletto assieme a Buonanno (ma rinunciarono poi al seggio europeo, a vantaggio di Angelo Ciocca). Forza Italia otteneva un risultato dignitoso nonostante la crisi che già era in atto – eletti Giovanni Toti, Lara Comi e Alberto Cirio – mentre per le altre liste i pochi candidati eletti furono Moni Ovadia (Lista Tsipras), Maurizio Lupi (Nuovo Centrodestra). La vittoria renziana portò a Bruxelles i seguenti candidati europarlamentari: lessia Mosca, Sergio Cofferati, Mercedes Bresso, Patrizia Toia, Antonio Panzeri, Renata Briano, Luigi Morgano, Brando Benifei, Daniele Viotti. Bene andò anche il Movimento 5 Stelle all’epoca guidato da Beppe Grillo: in Circoscrizione Nord vennero eletti Tiziana Beghin, Marco Valli, Eleonora Evi, Marco Zanni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA