BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Tfa II ciclo, quali sono le novità?

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

Dopo una lunga attesa, il Miur ha pubblicato il bando con cui si dà avvio alla selezione per l'accesso ai corsi del II° ciclo di tirocinio formativo attivo (Tfa), al fine di conseguire l'abilitazione per l'insegnamento della scuola secondaria di I e di II grado. Il termine ultimo per la presentazione delle domande è fissato al 16 giugno 2014. I posti banditi sono un totale di 22.450, suddivisi per le varie classi di abilitazione (nel 2012 erano di 20.067), a cui si aggiungono 6.630 posti per il sostegno (nel 2013 erano di 6.398).

Rispetto alla precedente tornata si possono rilevare alcune interessanti novità presenti nel testo del Decreto Ministeriale n. 312 del 16 maggio 2014.

In primo luogo è da segnalare l'accesso ai corsi «in soprannumero e senza dover sostenere alcuna prova», per tutti coloro che:

- hanno superato l'esame di ammissione alle scuole di specializzazione per l'insegnamento secondario (Ssis) e che hanno poi sospeso la frequenza (i cosiddetti "congelati Ssis"); (art. 3 co. 6);

- sono risultati idonei al precedente percorso di Tfa (sostenendo e superando tutte le prove) ma non utilmente collocati in graduatoria per mancanza di posti disponibili nell'ateneo di riferimento;

- hanno superato l'intera procedura selettiva del precedente percorso di Tfa per più classi di abilitazione e che hanno optato per la frequenza di un solo corso di Tfa (art. 3 co. 7);

- hanno sospeso la frequenza del precedente ciclo di Tfa per cause sopravvenute e comunque a loro non imputabili.

Un'altra novità che appare ragionevole è quella di consentire «al fine di riconoscere un'opportunità anche ai giovani laureati» anche a coloro che conseguono i titoli di ammissione prima dello svolgimento delle prove scritte (e comunque entro e non oltre il 31 agosto 2014) l'iscrizione con riserva al test preliminare. I laureandi delle prossime sessioni estive potranno quindi iscriversi a questo II° ciclo di Tfa. La medesima ammissione con riserva sarà valida anche per coloro i quali conseguiranno il titolo di abilitazione necessario per l'iscrizione ai percorsi di specializzazione sul sostegno.

I candidati con titolo di studio conseguito all'estero sono ammessi a partecipare alla selezione previa presentazione del titolo tradotto, legalizzato e accompagnato dagli adempimenti burocratici necessari, secondo le norme vigenti in materia di ammissione di studenti stranieri ai corsi di studio nelle università italiane (art. 3 co. 5).

Da segnalare anche una precisazione per quanto riguarda il contenuto delle prove selettive di accesso (art. 6 co. 2), che verteranno sui programmi disciplinari per le relative classi di concorso di cui al D.M. n. 80 del 21 settembre 2012 (per le classi di concorso non contemplate occorre fare riferimento al D.M. n. 357 dell'11 agosto 1998).



  PAG. SUCC. >