BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TEMI SVOLTI MATURITA' 2014/ Il Dono (Tipologia B, saggio breve, articolo di giornale artistico letterario) di Mara Conti (Esami di Stato)

Pubblicazione:

(infophoto)  (infophoto)

TEMI SVOLTI PRIMA PROVA MATURITA' 2014: ARTISTICO-LETTERARIO SVOLTO (ESAME DI STATO, TIPOLOGIA B) - E’ il dono l’argomento scelto dal ministero dell’Istruzione per l’ambito artistico-letterario (tipologia B, saggio breve o articolo di giornale) di questa prima prova dell’esame di maturità. Nel fascicolo, gli studenti hanno trovato un brano di Grazia Deledda tratto da “Il dono di Natale” e un altro di Theodor W. Adorno preso da “Minima moralia. Meditazioni della vita offesa”. Presenti nel dossier anche testi molto recenti, come “Il dono al tempo di Internet” di Marco Aime e Anna Cossetta (2012), “Cosa significa ricambiare? Dono e reciprocità” di Mark Anspach (2011) e “Dono. Senza reciprocità” di Enzo Bianchi (2012). IlSussidiario.net ha chiesto a Mara Conti di svolgere la traccia d’esame.

Dono è una parola carica di attesa e speranza, ricca di gioia e di bene. Ogni essere umano, bambino o adulto che sia, non può che provare lo stesso sentimento di fronte a un regalo: sentirsi amato. Di questo scambio però spesso si dimentica che non solo è bello ricevere, ma è una grande gioia anche donare. 

La società odierna, che sembra aver costruito le sue fondamenta sull'individualismo, dà l'impressione di reggersi sul mercato degli interessi con il solo scopo di innalzarsi seguendo il desiderio di successo in un'ottica completamente utilitaristica. La società non potrebbe esistere senza l'uomo, eppure è questo lo sfondo arido e spaventoso che si presenta davanti ai nostri occhi, di logiche dominate solo dal profitto e dal tornaconto personale. Lascia basiti il disinteresse per gli aspetti più semplici che riguardano l'uomo, come ad esempio il desiderio di donarsi. L'uomo porta dentro di sé il desiderio di relazione che è alla base della donazione, in quanto il dono è parte di uno scambio relazionale. Un gesto dal quale può nascere scambio, stima, affetto. Il dono è sintesi di una realtà che si basa su tre aspetti fondamentali: gratuità, impegno, reciprocità. Questi tre temi sono efficacemente rappresentati nel quadro L'adorazione dei magi di Parmigianino del 1529, nel quale entrano in relazione e si completano.

Donarsi implica un entrare in relazione che dice la semplicità e la verità di un valore autentico. È perciò impossibile scindere l'uomo dal dono. Tuttavia, nonostante sia insito nel cuore dell'uomo, è un aspetto troppo spesso dimenticato e ignorato, forse proprio perché il verbo donarsi turba a causa della sua caratteristica primaria: la gratuità. Infatti un dono, per essere chiamato tale, deve innanzitutto essere gratuito, ovvero non deve prevedere nulla in cambio. Unico interesse è il bene per l'altro. È infatti con questo intento che i Magi arrivano da Gesù bambino, per portare un dono, senza la pretesa di ottenere qualcosa. Oggi l'aspetto caritativo è banalizzato e depotenziato dalla logica del possesso, trasmessa da ogni canale di informazione: televisione, giornali, pubblicità. L'uomo è continuamente esposto a ondate di frasi, voci e immagini che mirano ad avvolgerlo e coinvolgerlo in questo gelido turbinio senza uscita. È facile, basta un click, basta comprare, basta avere, basta andare, frasi ricorrenti, familiari alle nostre orecchie, che suonano come un inno alla facilità. In antitesi si trova l'arte del donarsi, che silenziosa e a piccoli passi si fa spazio, non al centro di un televisore, bensì ai margini di una strada, di una chiesa, di un ospedale. Opposta a quel vortice non solo per l'aspetto della gratuità, ma anche perché alla facilità di un click oppone la difficoltà di un impegno, che richiede energie e tempo. 



  PAG. SUCC. >