BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LA GRANDE BELLEZZA/ La storia "vera" che riguarda tutti noi

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Toni Servillo ne "La grande bellezza" di P. Sorrentino (Immagine d'archivio)  Toni Servillo ne "La grande bellezza" di P. Sorrentino (Immagine d'archivio)

Contrariamente a quello che si crederebbe, La grande bellezza – il film di Paolo Sorrentino vincitore dell'Oscar 2014 come miglior film straniero – parla di una storia vera (clicca qui la trama di Sorrentino film THIS MUST BE THE PLACE). Certo, sin dall'inizio, con la citazione dal poeta Céline («il viaggio che ci è dato è interamente immaginario ...: è tutto inventato») il suggerimento è quello di considerare il film – e la vita – come nient'altro che una finzione, come il "trucco" per sopravvivere di un uomo che abbia perso il gusto dell'esistere. Ma allora, in che senso è "vera" la storia dello scrittore Jep Gambardella, autore di un unico romanzo scritto molti anni prima, e che ora, a 65 anni – splendidamente e inutilmente portati nel vortice della vita mondana di Roma – vede con sempre più spietata lucidità tutta la disillusione che la vita gli ha riservato?

«Che cosa avete contro la nostalgia? È l'unico svago che resta per chi è diffidente verso il futuro», dice una battura particolarmente agra del film, ed è questo dolente struggimento, ad un passo dal diventare una resa alla vacuità del tutto, coperto dal grande chiacchiericcio dei riti sociali, che permette al protagonista di attraversare il deserto della disillusione e della perdita della speranza. È una ferita profonda, come accarezzata dalla bellezza di una Roma vista sempre nel buio formicolante della notte, o nell'oscurità di un passato monumentale, irrigidito in morte vestigia, e insieme nella purezza quasi verginale, religiosa del primo mattino.

Ma anche questa bellezza sembra indifferente alla domanda che, dietro la maschera un po' cinica, si nasconde nel cuore ancora vivo – cioè in attesa – dello scrittore. Cerca di capire, Jep, cosa gli sia successo, ma sembra non trovare mai risposte, e dover sempre "lasciar stare"; e così continua a muoversi in solitaria, ma accompagnato da un'umanità malinconica e segnata, come la direttrice nana del giornale per cui scrive, o lo scrittore fallito di monologhi teatrali o la dolce, enigmatica spogliarellista minata da una grave, misteriosa malattia. 

Sembrerebbe dunque che la sorte delle nostre speranze sia quella di trapassare inevitabilmente in disillusioni. Fino a dire, appunto, che tutto in fondo è illusione. Ma la delusione che cosa ci dice? Essa non è solo la sconfitta delle nostre aspettative, ma è come il segno indelebile di quello che aspettiamo. E possiamo aspettarlo perché, in qualche modo, esso ci ha già toccato. Anche Jep era stato toccato, nel momento di grazia della sua giovinezza, dallo sguardo di una ragazza, che era stato per lui la grande promessa di una bellezza che può riempire il cuore e rispondere al suo desiderio di felicità. E quello sguardo riluce ancora, a tratti, nello sguardo di Jep, squarciando la foschia dello scetticismo o il fastidio di chi pensa di aver già visto tutto. In questo sguardo è custodita l'unica cosa interessante da cercare, l'unico tema per cui varrebbe la pena riprendere a scrivere, l'unica promessa per cui vivere, e morire. 



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
03/03/2014 - Vorrei... (Francesco Giuseppe Pianori)

Vorrei poter condividere la lettura che del film fa il Prof. Esposito. Se un film fosse fatto su questa lettura sarebbe un film bellissimo; cosa che, purtroppo, non ho riscontrato nel film di cui si parla, "La grande bellezza". Il Prof. Esposito ha degli occhi da bambino tali da vedere il bello con occhi stupiti e ammirati. La bellezza affascinante della trama e del racconto non è espressa così tanto chiaramente nel film di Tarantino, che legge "la storia vera" in modo nostalgico e disincantato, ma come senza risposta; anzi, dando la risposta che non c'è risposta, al modo di Qohelet, senza la fede di Qohelet. Capisco perché è stato accolto tanto bene da Hollywood: è sentimentalmente bello; ma nichilista. Spero di sbagliarmi.