Articoli dell'anno 2008 della sezione Banche

BANCHE/ Modiano: la finanza non ha sbagliato, è il mercato che è venuto meno al suo compito

La crisi economico finanziaria ha sollevato molti punti di domanda sull’operato dei banchieri e sulle responsabilità della finanza sofisticata. Il direttore generale di Intesa San Paolo fa un bilancio della crisi, dalle azioni dei governi alle cause profonde della bolla finanziaria: perché il mercato più evoluto del mondo non ha funzionato e non ha segnalato l’eccesso e i rischi di gestione del credito? Occorre rispondere, perché ne va della stessa razionalità del mercato

BORSA/ Profumo e Unicredit non rischiano il fallimento, come tutte le altre banche italiane. Ma lo Stato…

Con buona pace di chi vorrebbe dedicare le aperture dei giornali al fallimento di qualche banca di casa nostra, la realtà dei fatti è diversa. Solo UniCredit è ricorsa alla ricapitalizzazione per far passare l'indice patrimoniale dal 5,7% al 6,7% (le banche americane prima della crisi erano sotto il 3%) e non ha prodotto perdite, ma utili nell'ultimo anno nonostante l'acquisizione di altre banche; il credito cooperativo italiano ha liquidità in eccesso pronta a essere immessa nel sistema; lo stesso Banco Popolare ha assorbito bene la crisi di Italease. Al sistema del credito italiano, che non è in crisi, i salvatori della patria - al di là delle intenzioni - rischiano di fare più male che bene, i veri problemi sono nel mondo della finanza legato alla borsa. VOTA IL SONDAGGIO.

GLI ARCHIVI DEL CANALE