Sondaggi politici/ FdI al 23,1%, Pd segue al 22,7%. 67% dice no a Draghi-bis

- Carmine Massimo Balsamo

Sondaggi politici e intenzioni di voto, i dati di TP: Lega e Movimento 5 Stelle in calo dopo le elezioni comunali, stabile Forza Italia

sondaggi politici
Giorgia Meloni, leader Fdi applaude il Presidente ucraino Zelensky alla Camera (LaPresse, 2022)

Dopo lo stop legato alle elezioni comunali, torna l’appuntamento con i sondaggi politici e andiamo ad analizzare gli ultimi dati di Termometro Politico. Partiamo dalle intenzioni di voto, non mancano le novità degne di nota. Torna a crescere Fratelli d’Italia: il partito di Giorgia Meloni si attesta al 23,1%. Segno più anche per il Partito Democratico: i dem di Enrio letta sono quotati al 22,7%.

I sondaggi politici di TP segnalano il ribasso di Lega e Movimento 5 Stelle. Il Carroccio guidato da Matteo Salvini perde mezzo punto percentuale ed è dato al 16,8%. I grillini di Giuseppe Conte, invece, passano dal 13,2% al 12,6%. Nessuna novità per quanto riguarda Forza Italia: azzurri di Silvio Berlusconi stabili al 7,4%. La federazione Azione/+Europa è stimata al 4,3%, seguita da Verdi al 2,9%, Italexit con Paragone al 2,4% e Italia Viva di Matteo Renzi al 2,3%. Infine, spazio al Partito Comunista all’1%.

SONDAGGI POLITICI: 67% DICE NO A DRAGHI BIS

I sondaggi politici di TP segnalano un altro dato importante: per la prima volta della sua nomina a premier, il gradimento di Mario Draghi scende sotto quota 40%. Entrando nel dettaglio, il 16,5% ha molta fiducia nel primo ministro, mentre il 23,7% abbastanza. Ben il 58,9% degli italiani non esprime gradimento: il 20,6% ha poca fiducia, il 38,3% per nulla. Il restante 0,3% ha preferito non rispondere.

Dati confermati da un’altra rilevazione dei sondaggi politici di TP: il 67% non vorrebbe un Draghi-bis a Palazzo Chigi. Per il 51% il premier non ispira fiducia e spera che qualsiasi sia l’esito delle elezioni politiche non sia più lui a essere Presidente del Consiglio. Il 16%, invece, approva il suo operato ma spera che vi sia un governo politico l’anno prossimo. Non ci resta che attendere l’evoluzione della situazione, ma una cosa sembra certa: gli italiani hanno voglia di un vero governo politico, basta tecnici e accordi di palazzo.







© RIPRODUZIONE RISERVATA