Detrazione interessi mutuo/ Non solo prima casa: tutte le possibilità (ultime notizie oggi 13 giugno 2024)

- Danilo Aurilio

La detrazione sugli interessi passivi del mutuo sono ottenibili anche per gli altri prestiti (non solo per la prima casa).

pexels ekaterina bolovtsova 4049730 1 640x300

Molti italiani non conoscono numerosi aspetti fiscali che potrebbero essere a loro favore. Uno tra questi è la detrazione di alcuni interessi del mutuo. Nel migliore dei casi è possibile detrarre fino al 19% del costo sostenuto e su un tetto massimo di 4 mila euro annui.

Il benefit appena descritto non riguarda il mutuo acceso per la propria abitazione, e allora quali prestiti riguarda? Per saperlo dobbiamo osservare i righi presenti nel quadro E, che spaziano dai finanziamenti ipotecari agli interessi per i mutui agrari.

Detrazione interessi di un mutuo: cosa c’è da sapere

La detrazione fiscale permette ai contribuenti italiani di poter ridurre le imposte da versare a patto che questo strumento ammetta certe spese dichiarate nel modello apposito.

A parte l’applicazione sui mutui per la prima casa in fase reddituale è possibile godere di ulteriori benefici per le seguenti operazioni:

  • Rigo E7: mutui ipotecari accesi per comperare l’unità immobiliare da destinare ad abitazione principale;
  • Rigo E8 E10: interessi sui mutui ipotecari sottoscritti prima del ’93 per comprare ulteriori immobili, codice 8;
  • Rigo E8 E10: interessi sui mutui contratti nel ’97 per recupero edilizio, codice 9;
  • Rigo E8 E10: interessi sui mutui ipotecari per la costruzione dell’abitazione principale, codice 10 e 46;
  • Rigo E8E10: interessi relativi a mutui agrari o prestiti, codice 11 e 47.

La compilazione del documento necessario per l’ottenimento della detrazione dev’essere sempre a carico del contribuente italiano, oppure di una figura incaricata (CAF o intermediario fiscale).







© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Tasse

Ultime notizie