Calabria, risultati elezioni Regionali 2020/ Stravince Santelli, ma la Lega frena

- Niccolò Magnani

Risultati Elezioni Regionali Calabria 2020. Dati reali: Santelli batte Callipo. Seggi ed eletti nel nuovo Consiglio Regionale: 19 seggi al Cdx

Elezioni Calabria
Elezioni Regionali Calabria: i candidati (YouTube, Teleuropa Network)

I risultati delle elezioni Regionali in Calabria sono chiari: stravince il Centrodestra con Jole Santelli, debacle per il Pd e non pervenuto il M5s. Grande soddisfazione per la coalizione composta da Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia, anche se il Carroccio deve fare i conti con una preoccupante frenata: gli azzurri di Silvio Berlusconi sono il primo partito del Cdx, a differenza di quanto accaduto alle Europee. Esulta Giorgia Meloni: «Straordinaria vittoria centrodestra in Calabria, auguri a Jole Santelli. La Calabria dice a gran voce che c’è un Sud che rifiuta la logica assistenziale del reddito di cittadinanza e chiede di essere messo in condizione di mostrare il suo valore». Così, invece, la forzista Mara Carfagna, che manda un messaggio proprio a Salvini: «La vittoria di Jole Santelli in Calabria dimostra che Forza Italia ha ancora valide carte da giocare sulla scena politica, soprattutto al Sud, e l’urgenza di riorganizzare l’area moderata. Con il solo traino del sovranismo, il centrodestra perde». (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

Elezioni Regionali 2020: Emilia Romagna (diretta); Calabria (diretta) – sondaggi e flussi di voto – Eletti Emilia Romagna (Pd – M5sFIFratelli d’ItaliaBonaccini PresidenteEmilia Romagna Coraggiosa e Europa Verde) – Eletti Calabria (PdLegaM5sFIFratelli d’ItaliaJole Santelli PresidenteUdc)

RISULTATI ELEZIONI REGIONALI CALABRIA, GLI ELETTI IN CONSIGLIO

Mentre ancora mancano circa 20 comuni allo spoglio finale, i risultati sono ormai decisi da tempo con la Presidente eletta Jole Santelli che certifica l’ottimo dato del Centrodestra in Calabria: i risultati delle Elezioni Regionali consegnano la piena maggioranza alla Governatrice con 30 seggi ripartiti tra Centrodestra (19 seggi, con premio maggioranza) e Centrosinistra, visto che il M5s non raggiunge l’8% di sbarramento. 4 seggi andranno a Forza Italia, 4 alla Lega, 3 a Fratelli d’Italia, 3 alla lista Santelli Presidente, 2 all’Udc e 2 a Casa delle Libertà; per quanto riguarda l’opposizione, Pd avrà 6 consiglieri, Callipo-Resto in Calabria 3, Democratici e Progressisti con 2 seggi. In base ai dati ancora a disposizione riportati da Strill.it e Stretto Web, i nomi dei consiglieri eletti in Calabria dovrebbero essere i seguenti: Gallo, Tallini, Arruzzolo, Giannetta per Forza Italia; Molinaro, Gaetano, Mancuso, Minasi per la Lega; Caputo, Pitaro, Mattiani per Santelli Presidente; Cerra e Paris per Udc, De Nisi e Crino per Casa delle Libertà. All’opposizione, Pd vedrebbe eletti Bevacqua, Tassone, Irto, Guccione, Battaglia; Io Resto in Calabria con Di Natale, Consoli, Mundo; Aieta e Scalco per Democratici e Progressisti.

RISULTATI CALABRIA: VINCE SANTELLI, AIELLO SODDISFATTO

Mancano ancora 180 circoscrizioni (sulle 2.420 complessive) per avere i risultati definitivi delle elezioni regionali in Calabria 2020. Lo scrutinio sta confermando la netta vittoria di Jole Santelli su Filippo Callipo, mentre Filippo Aiello sta riuscendo a tenere il terzo posto davanti a Carlo Tansi, evitando così una sconfitta ancora più pesante al Movimento 5 Stelle (che al momento è accreditato del 6,2% dei voti). Una sconfitta che appare più evidente nella circoscrizione nord, relativa alla provincia di Cosenza, dove Aiello è dato al 7,7% dei voti contro l’11,1% di Tansi. “È stata una campagna molto difficile per gli attacchi e le polemiche, ma che mi ha dato anche grande soddisfazione, perché molti portavoce 5stelle mi hanno affiancato parlando di contenuti e dando vita a un programma innovativo e partecipativo”, sono state le parole pronunciate nella notte da Aiello e riportate da lacnews24.it. (aggiornamento di Bruno Zampetti)

ELEZIONI CALABRIA 2020, PD PRIMO PARTITO

Lo scrutinio dei voti in Calabria è ancora in corso, ma i risultati (1941 sezioni su 2420) confermano il netto vantaggio di Jole Santelli (55,9%) su Filippo Callipo (30,1%). Francesco Aiello (7,4%) è davanti invece a Carlo Tansi (6,6%). Nelle prime proiezioni, invece, il candidato del Movimento 5 Stelle sembrava poter addirittura arrivare quarto e ultimo nei consensi. Il Partito democratico al momento risulta essere il primo partito con il 15,8% dei voti, davanti a Forza Italia (12,6%) e Lega (12,3%). Fratelli d’Italia ha al momento l’11,1% dei consensi. I tre principali partiti del centrodestra sono quindi molto vicini tra loro. Il Movimento 5 Stelle, che alle politiche del 2018 era il primo in Calabria, per il momento ottiene il 6,2% dei voti. Nella circoscrizione sud, Pd e Forza Italia sono molto vicini con i dem al 16,8% e gli azzurri al 16,4%. (aggiornamento di Bruno Zampetti)

I PRIMI DATI REALI

Quando siamo a 232 sezioni su 2.420 scrutinate, Jole Santelli del centrodestra è al 60,69 per cento con un vantaggio corposo sul rivale del centrosinistra. Filippo Callipo è infatti al 26,54 per cento. La partita delle Elezioni Regionali 2020 in Calabria è ormai chiusa, non a caso il candidato del centrosinistra ha già riconosciuto la vittoria alla rivale. «Abbiamo visto le proiezioni e abbiamo visto che la signora Santelli praticamente è in testa abbondantemente, quindi sarà il nuovo presidente della Regione Calabria. Auguri e buon lavoro», ha dichiarato infatti nella notte. Poi ha analizzato la sua campagna elettorale: «Sono sceso in campo insieme agli amici del Pd, abbiamo lavorato molto, però i calabresi hanno scelto la coalizione di centrodestra, hanno scelto il partito dei conservatori, non hanno creduto e non hanno voluto una rivoluzione e un cambiamento che avevo promesso di fare». Nella conferenza stampa ha affermato di aver preso atto della volontà popolare: «Siccome siamo una terra democratica noi accettiamo questa decisione e faremo la nostra opposizione». (agg. di Silvana Palazzo)

RISULTATI ELEZIONI CALABRIA: I COMPLIMENTI DI BERLUSCONI A SANTELLI

Jole Santelli vince alle Elezioni Regionali 2020 in Calabria, ma è il Partito democratico il primo partito. Le proiezioni mostrano infatti il Pd al 15 per cento, mentre la Lega sarebbe all’11,9 per cento, Forza Italia all’11 e Fratelli d’Italia al 10,6. Le liste civiche IO resto in Calabria e quella a nome della candidata di centrodestra sono rispettivamente all’8,1 per cento e al 7,4. Per la candidata del centrodestra «sono risultati enormi». Poi dedica la vittoria ai suoi genitori: «Non so dove siano ma sono sicura che sono con me». Ma si rivolge anche ai nipotini «che come tutti i bambini della Calabria devono avere la speranza di poter tornare a vivere in questa terra». Infine si rivolge a Silvio Berlusconi: «L’uomo che mi ha permesso di fare della politica la mia vita». Proprio il leader di Forza Italia è intervenuto con un messaggio: «Grande risultato di Jole, una donna di Forza Italia che ha dedicato la sua vita alla sua terra. Sono sicuro che diventerà l’emblema del riscatto del Sud, non sarà più terra di inefficienza e malaffare». (agg. di Silvana Palazzo)

RISULTATI ELEZIONI CALABRIA: SANTELLI AVANTI NELLE PROIEZIONI

Jole Santelli vola verso la vittoria alle Elezioni Regionali 2020 in Calabria. Va a destra, almeno secondo gli exit poll diffusi dalla Rai (Opinio Italia) e Mediaset (Tecnè). La deputata di Forza Italia, sostenuta in primis dalla Lega e da Fratelli d’Italia, avrebbe ottenuto tra il 49 e il 53 per cento contro Pippo Callipo, sostenuto invece dal Partito democratico e dal centrosinistra, che avrebbe preso una percentuale tra il 29 e il 33 per cento. La proiezione di Opinio Rai attribuisce il 50,9 per cento a Santelli, il 30,7 a Callipo, 10,9 a Tansi e 7,5 ad Aiello, secondo una copertura del 6 per cento. Forchetta simile per Swg La7: Santelli al 53,2, Callipo al 30,7, Tansi all’8,3 e Aiello al 7,8 per cento. In questo caso la copertura è dell’8 per cento. Sul voto è intervenuto Tajani di Forza Italia: «Il risultato mi sembra straordinario, Santelli si è dimostrata la candidata migliore. Forza Italia ha una classe dirigente vincente. In tutta Italia c’è una classe dirigente in grado di condurre il centrodestra alla vittoria. Ci sono due liste fiancheggiatrici che di fatto sono organizzate da rappresentanti del nostro movimento, da qui deve ripartire la scossa di Forza Italia e dell’Italia. Jole Santelli sarà la prima governatrice donna del Sud. Ora comincia la lotta alla ‘ndrangheta e alla disoccupazione». (agg. di Silvana Palazzo)

RISULTATI ELEZIONI CALABRIA: EXIT POLL SANTELLI 49-53%, CALLIPO 29-33%

I primi exit poll relativi alle elezioni regionali in Calabria 2020 vedono in netto vantaggio Jole Santelli rispetto a Filippo Callipo di circa 20 punti. I dati di Opinio-Rai dicono infatti che la candidata del centrodestra avrebbe una percentuale di voti compresi tra il 49% e il 53%, mentre il candidato del centrosinistra godrebbe di un consenso compreso tra il 29% e il 33%. Francesco Aiello e Carlo Tansi si troverebbe in una situazione di parità con una forchetta di voti compresa tra il 7% e l’11%. Dunque questi primi exit poll confermerebbero le previsioni della vigilia, anche se forse non ci si aspettava un distacco così ampio tra i due principali candidati. Un distacco che sembra rendere impossibile un’affermazione di Callipo. Non resta quindi che vedere se le prime proiezioni basate sui dati reali confermeranno l’ampio divario tra i due, confermando quindi di fatto una vittoria di Jole Santelli. (aggiornamento di Bruno Zampetti)

IL BOTTA E RISOSTA CALLIPO-SANTELLI

Stanno per chiudersi i seggi in Calabria, quindi presto comincerà l’analisi dei risultati delle Elezioni Regionali 2020, ma questa domenica non è stata caratterizzata solo dal voto. Non sono infatti mancate le polemiche. I candidati Pippo Callipo e Jole Santelli si sono resi protagonisti di un botta e risposta. Ha cominciato il candidato del centrosinistra attaccando: «Tu dove voti?». La risposta della candidata del centrodestra non si è fatta attendere: «Polemica su residenza romana risibile». Jole Santelli non vota in Calabria perché da qualche anno è residente a Roma. A metterlo in evidenza questa mattina su Facebook proprio Pippo Callipo, suo avversario, che poi ha ironicamente chiosato: «Io sto andando a votare a Pizzo. E tu dove voti?». La candidata del centrodestra alle Elezioni Regionali 2020 in Calabria ha quindi risposto al rivale: «Certo che non ho la residenza in Calabria, e quindi? Io la Calabria ce l’ho nel cuore e nella testa. La polemica sulla residenza? Risibile». (agg. di Silvana Palazzo)

DIRETTA REGIONALI CALABRIA: ANALISI AFFLUENZA ORE 19

I voti in Calabria crescono ma si mantengono sulla “scia” di quanto visto già 5 anni fa nelle Elezioni Regionali che videro il trionfo del Pd di Oliverio: l’affluenza segnalata alle ore 19 secondo i dati ufficiali del Ministero degli Interni danno il 35,52% degli aventi diritto al voto in Calabria presentatisi alle urne, mentre nel novembre 2014 furono il 34,83% a questa stessa ora di analisi. Sul fronte delle provincie, è quella di Catanzaro a segnalare la maggior partecipazione alle urne con il 38.55% di affluenza alle ore 19, seguito dal 35,86% della provincia di Cosenza e dal 35,195 degli aventi diritto al voto che si sono presentati alle urne nella provincia di Reggio Calabria. Calano invece Vibo Valentia (33,22%, era il 33,76% solo 5 anni fa) e Crotone con il 32,17% a fronte del 32,76% del 2014; il dato vede dunque confermarsi a livello generale il voto di 5 ani fa, il che non è per forza un buon risultato visto che nelle scorse Elezioni Regionali si era celebrato il “crollo alle urne” in cui era coinvolto anche l’Emilia Romagna. 5 anni dopo, in attesa dei risultati ufficiali nella diretta dello spoglio elettorale di questa notte, mentre l’Emilia raddoppia i voti la Calabria resta “stabile” e secondo molti “in stallo”. Si attende il dato ultimo di questa sera per capire se il Centrodestra di Santelli o il Csx di Callipo avranno avuto la meglio nelle votazioni ancora in corso fino alle ore 23 per le Regionali 2020.

DIRETTA REGIONALI CALABRIA: DATI AFFLUENZA COMUNE PER COMUNE

In attesa dei risultati definitivi delle Elezioni Regionali Calabria 2020, si analizzano i dati relativi all’affluenza alle urne. E salta all’occhio quella registrata alle ore 12. È infatti aumentata in maniera considerevole rispetto a cinque anni fa. In Calabria abbiamo un aumento di circa 2 punti percentuali. Alle precedenti regionali furono raggiunti picchi di astensionismo molto elevati: nell’autunno del 2014 infatti votò appena il 44 per cento degli elettori. Il dato di questa mattina è dunque confortante. Ma analizziamo i dati dei comuni calabresi più significativi, fatta eccezione per quelli già presi in considerazione. Lamezia Terme è a quota 10,95% rispetto al 7,73% alla stessa ora di cinque anni fa. Significativo anche il dato di Gioia Tauro col 15,04%, mentre era 9,20% alla stessa ora di cinque anni fa. Balzo importante anche per Palmi: 10,34% rispetto al 6,57% alla stessa ora di cinque anni fa. In controtendenza San Giovanni in Fiore 8,07%, in calo rispetto all’8,93% alla stessa ora di cinque anni fa. (agg. di Silvana Palazzo)

ELEZIONI CALABRIA, L’ANALISI DELL’AFFLUENZA ALLE ORE 12

Con l’affluenza definitiva delle ore 12 fissata al dato del 10,48% non si può non registrare un aumento significativo di votanti in Calabria, seppur in maniera minore dell’Emilia Romagna dove i voti rispetto alle scorse Regionali e alle Europee recenti è stato addirittura raddoppiato. Scendendo poi nelle pieghe delle singole città che partecipano, assieme a tutta la provincia, alle Elezioni Regionali 2020, troviamo dati molto bassi a Reggio Calabria (9,42% di affluenza) mentre è più alto a Vibo Valentia, con il 10,52% dei votanti andati alle urne. Risalendo verso l’area centro-nord della Calabria, a Catanzaro è boom di votanti con il 14,97% (era il 13,76% alle precedenti Regionali 2014) come a Crotone dove gli aventi diritti presentatisi alle urne sono stati il 13,38% alle ore 12; chiudiamo la rassegna delle città-provincia della Calabria con Cosenza, anche qui super risultati con il 14,8% di votanti alle urne. Mentre i due candidati principali alla conquista del Consiglio Regionale – Jole Santeli e Pippo Callipo – si sono già presentati alle urne, è intervenuto su Twitter e Facebook Silvio Berlusconi (aggirando il silenzio elettorale imposto che non vale per ora sui social) mandando un ultimo appello al voto «votate col cervello, nell’interesse vostro, dei vostri figli, dei vostri nipoti, dell’Italia. Votate Forza Italia, votate per l’Occidente, per il partito della libertà, del lavoro e dei lavoratori».

ELEZIONI CALABRIA, AFFLUENZA ALLE ORE 12 AL 10,4%

Arrivano in diretta dal Ministero degli Interni i primi risultati dell’affluenza alle urne fino alle ore 12: per le Elezioni in Calabria è buona la presenza alle urne con il 10,44% di aventi diritto al voto che si sono presentati ai seggi, in crescita rispetto al dato delle precedenti Regionali 2014 in Calabria dove invece votarono fino a mezzogiorno “solo” l’8,9%. Resta un dato assai basso se si guarda il confronto con le altre Elezioni in corso in Emilia Romagna (qui i risultati in diretta, ndr): se si guarda alle singole provincie, è Catanzaro con Cosenza quella dove si sono visti più votanti, maglia “nera” invece per Crotone e Vibo Valentia. Nella provincia di Catanzaro l’affluenza si fissa al 12,16%, nettamente sopra la media regionale, mentre segue Cosenza con il 10,48% degli aventi diritto presentatisi alle urne: al terzo posto segue Reggio Calabria con il 10,28% dei votanti quando ancora mancano alcuni Comuni al conteggio dell’affluenza. A Crotone il dato invece crolla all’8,22% mentre a Vibo Valentia l’affluenza delle Regionali si ferma al 8,3% sui potenziali elettori con diritto di voto. Alle ore 19 e poi alla chiusura dei seggi i prossimi aggiornamenti sull’affluenza per le Elezioni Regionali in Calabria.

URNE APERTE PER LE ELEZIONI REGIONALI IN CALABRIA

In diretta dalla Calabria per le elezioni regionali 2020 quando sono le nove, e quando sono già passate due ore dall’apertura dei seggi. Se la “sfida” emiliana ha decisamente monopolizzato l’attenzione in queste ultime settimane, non da meno sarà quella calabrese, dove il Centrodestra proverà a spodestare il Centrosinistra, che governa da sei anni. Durante l’ultima tornata elettorale, tenutasi il 29 aprile del 2014 a causa delle dimissioni dell’allora governatore Scopelliti, vinse a mani basse l’attuale presidente regionale Marco Oliverio, candidato a sinistra sostenuto dal Partito Democratico e non solo. Contro Oliverio si schierò Wanda Ferro di Forza Italia, rappresentante il Centrodestra (oltre ai forzisti, Casa delle libertà e Fratelli d’Italia, non c’era all’epoca la Lega). Una vittoria schiacciante quella di Oliverio, che in Calabria ottenne il 61% dei voti contro i soli 23% degli sfidanti. Quest’oggi si ripeterà la stessa debacle per il Cdx o le cose cambieranno? (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

ELEZIONI REGIONALI CALABRIA 2020 IN DIRETTA: OPERAZIONI AL VIA

Non c’è solo l’Emilia Romagna: le Elezioni Regionali 2020 vedono chiamati alle urne anche i cittadini della Calabria per rinnovare il Governatore e il Consiglio Regionale dopo l’esperienza del Centrosinistra a guida Mario Oliverio. Mentre i riflettori nazionali erano e sono puntati quasi esclusivamente sulla Regione del nord con la sfida Lega-Pd, la Calabria è passata quasi in secondo piano nella campagna elettorale, con tutti i partiti che solo fino ad un mese e mezzo fa non avevano ancora scelto i candidati presenti oggi sulle schede elettorali. Ha contribuito certamente quanto riferito dai sondaggi prodotti prima del silenzio elettorale che vedevano una forbice molto ampia in favore del Centrodestra contro il Pd a guida Pippo Callipo, imprenditore “re del tonno” e volto di onestà nella Calabria di oggi; ma non solo, una regione profondamente in emergenza su diversi settori (dai trasporti alle strade, dalla criminalità organizzata della ‘ndrangheta al sistema Sanità) che però troppo spesso viene dimenticata dalle cronache nazionali se non appunto per segnalarne gli storici malanni che l’affliggono. Oggi è però il giorno di rilanciare la guida della Calabria per i prossimi 5 anni, con le urne aperte dalle 7 alle 23 e lo spoglio da seguire in diretta con tutti i risultati che partirà subito dopo la chiusura dei seggi. Durante la giornata di oggi, alle ore 12, alle 19 e alle 23 verranno distribuiti dalla Regione Calabria i dati parziali e poi totali sull’affluenza alle urne. Qui sotto possiamo trovare un utile focus sui candidati, le liste, il come si vota e le scorse Regionali per seguire in diretta al meglio queste Elezioni in Calabria.

I 4 CANDIDATI ALLE ELEZIONI CALABRIA

In attesa dei risultati che emergeranno non prima della mezzanotte o comunque qualche ora dopo la chiusura dei seggi questa sera, sulla scheda elettorale i cittadini calabresi troveranno 4 candidati ufficiali al ruolo di Governatore per le Elezioni Regionali 2020: in ordine alfabetico, Francesco Aiello è il candidato del Movimento 5 Stelle e di Calabria Civica dopo aver vinto le Regionarie, 54enne professore ordinario di Politica economica all’Università della Calabria e fondatore del portale OpenCalabria. Tra i principali obiettivi, la riorganizzazione del sistema sanitario, il potenziamento dei trasporti. Il secondo candidato è Filippo Callipo detto Pippo, sostenuto dal Pd, Democratici e Progressisti, Io Resto in Calabria; imprenditore, dal 1981 è alla guida dell’azienda di famiglia che produce e commercializza tonno in scatola. Jole Santelli invece è la candidata del Centrodestra, sostenuta da Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Unione di Centro, Santelli Presidente e Casa delle Libertà: senatrice di Forza Italia, ha scalzato Mario Occhiuto (non gradito a Salvini, ndr) per guidare la compagine di Cdx, obiettivi del suo potenziale mandato digitalizzazione e sburocratizzazione delle amministrazioni locali oltre a rilancio del turismo in Regione. Da ultimo, Carlo Tansi, candidato Governatore per Tesoro Calabria, Calabria Libera, Calabria Pulita: geologo e scienziato del Consiglio nazionale delle ricerche, convinto ambientalista e membro di Legambiente.

COME SI VOTA ALLE REGIONALI 2020 IN CALABRIA: LA SCHEDA

Scoprire come si vota in Calabria è azione tanto semplice quanto diretta, una volta sciolto il “dubbio” sul voto disgiunto: mentre nelle parallele Elezioni Regionali in Emilia Romagna, è consentito, secondo la legge elettorale vigente in Calabria il voto disgiunto non è previsto. Il sistema elettorale è stato modificato nel settembre 2014, appena prima delle precedenti Elezioni Regionali che videro trionfare il Pd di Oliverio e prevede un un impianto proporzionale con diverse soglie di sbarramento per l’accesso al Consiglio Regionale: 30 consiglieri eletti in Consiglio, 24 ripartiti con metodo proporzionale mentre gli ultimi 6 assegnati alle liste che appoggiano il Governatore vincitore. La scheda elettorale presente alle urne è unica e presenta i diversi candidati Presidente con le liste ad essi collegate: è possibile votare o il solo Governatore, o una lista che lo appoggia (e il voto va automaticamente al candidato Presidente) oppure porre il segno X sia sul Governatore che su una sola lista in appoggio. Non è però previsto il voto disgiunto e in più è possibile esprimere un solo voto di preferenza per il candidato al Consiglio Regionale.

ELEZIONI REGIONALI CALABRIA: COME ANDÒ NEL 2014

Era il 2014, a fine novembre, quando la Regione Calabria chiamava alle urne per rinnovare Governatore e Consiglio Regionale dopo la precedenza reggenza del Centrodestra: ebbene, nei risultati delle medesime Elezioni Regionali di 5 anni fa la spuntò colui il quale è stato indagato e successivamente “messo da parte” dal Centrosinistra in questi ultimi mesi, ovvero Mario Oliverio. Era originariamente il candidato anche per queste Regionali 2020 nel Pd, poi in accordo con Zingaretti, si è deciso per il passo di lato e l’avanzata del “re del tonno” Pippo Callipo: 5 anni fa vince con una schiacciante maggioranza di preferenze, il 61,41% ottenendo 19 seggi in Consiglio distribuiti tra i 9 del Pd, i 5 della lista civica Oliverio Presidente, i 3 dei Democratici Progressisti, 1 per Calabria in Rete-Campodemocratico e 1 per La Sinistra. Nettamente sconfitta da Oliverio fu la sua principale sfidante, Wanda Ferro del Centrodestra che ottenne solo il 23,59% di preferenze: furono 8 i seggi conquistati, 5 per Forza Italia e 3 per la Casa delle Libertà. I centristi dell’Udc-Ncd presero l’8,71% con Nico D’Ascola con soli 3 seggi guadagnati nel partito oggi sciolto del Nuovo Centro Destra (Alfano-Lorenzin, ndr), mentre Cono Cantelmi del Movimento 5 Stelle prese il 4,97% di voti senza ottenere seggi, tanto quanto l’Altra Calabria (1,29% col candidato Domenico Gattuso).



© RIPRODUZIONE RISERVATA