SPECIALI / Family Day 2016, unioni civili, ddl Cirinnà

Family Day 2016, unioni civili, ddl Cirinnà. Il Parlamento si appresta a discutere il ddl presentato da Monica Cirinnà (Pd)  dal titolo "Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze". Il problema dei diritti delle coppie omosessuali è in discussione da tempo. Mentre l'Italia non ha ancora una normativa specifica, a giugno 2015 24 Stati aderenti al Consiglio d'Europa su 47 sono dotati di leggi in materia. A inizio 2016 il presidente del Consiglio Matteo Renzi mette l'ampliamento dei "nuovi diritti" tra i punti qualificanti dell'azione di governo. Dopo l'appuntamento in piazza San Giovanni del 20 giugno 2015, Massimo Gandolfini e il comitato "Difendiamo i nostri figli" organizzano un nuovo Family Day per il 30 gennaio 2016. Il ddl fa discutere. Il segretario della Cei, mons. Nunzio Galantino, e il suo presidente, card. Angelo Bagnasco, appaiono su posizioni discordi. Il 24 gennaio 2016 don Julián Carrón, presidente di Cl, pubblica una lettera sul Corriere della Sera dal titolo "Diritti tradizionali e valori fondanti". Il dibattito.

Nozze gay, ciò che viene prima

La proposta di legge sulle unioni civili trascina tratti tecnici ampiamente discussi. Meno dibattuti ma non meno importanti sono alcuni elementi "che vengono prima". CARLO BELLIENI

GLI ARCHIVI DEL SPECIALI